06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca

La rivolta delle studentesse, “sciopero rosa” contro la violenza

Tanti appuntamenti in città e provincia per la Giornata contro le violenze


“Contro femminicidi, stupri e chi ci nega un futuro”. E’ andato in scena stamattina lo sciopero delle studentesse che si sono incontrate in piazza Immacolata per poi raggiungere la prefettura. Una manifestazione utile a richiamare l’attenzione sull’escalation di femminicidi.

Stamattina, per celebrare la Giornata mondiale contro le violenze sulle donne, le studentesse tarantine del Movimento femminista proletario rivoluzionario, dal palco sistemato in piazza Immacolata, hanno urlato la loro rabbia, spiegando le ragioni dello sciopero: “Perché tante mie sorelle, amiche vengono uccise dagli uomini che odiano le donne; perché la prossima potrei essere io; perché sono stata violentata, umiliata, denigrata e sono stanca di farmene una colpa, di provare vergogna”.


Tramite la risoluzione del 17 dicembre 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Oggi prima visita a Taranto del presidente nazionale Auser Vincenzo Costa, in occasione dello sciopero nazionale delle donne cui l’Auser ha aderito. Le donne dell’associazione si sono fermate per 15 minuti. Questo pomeriggio a Pulsano, alle 17, presso la sala consiliare del Castello De Falconibus, l’incontro femminicidio e violenza contro le donne: quali strumenti giuridici e di prevenzione.
Intanto sul sito web del Comune di Taranto, è stata recentemente inserita una nuova pagina dedicata all’Area Prevenzione e Contrasto alla violenza alla quale si accede tramite l’area Servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche