23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

Cronaca

Armi ed esplosivo, in manette uno degli estorsori della Wertmuller

Blitz della polizia in un appartamento di via Pio XII


Armi ed esplosivo in cassaforte. Il blitz dei poliziotti della Squadra Mobile è scattato, nella tarda mattinata di ieri, in casa di Giuseppe De Pasquale, 46enne già noto alle forze dell’ordine che nel 2008 salì agli onori della cronaca in quanto fu arrestato  per aver tentato, insieme ad un suo complice una estorsione ad una troupe cinematografica che stava girava un film in città vecchia.

Gli agenti in borghese diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto hanno fatto pesca grossa nell’ambito di mirati servizi eseguiti per scovare armi ed esplosivo in uso alla mala locale.


A mezzogiorno  hanno proceduto ad una perquisizione nell’abitazione di  Pasquale che è situata  nel rione Tre Carrare, in via Pio XII. Sapevano di andare a colpo sicuro durante una accurata perquisizione hanno trovato che cercavano. Nell’appartamento del 46enne un forziere che veniva utilizzato non per nascondere preziosi o soldi ma armi e detonatori. 

Nella cassaforte situata in un ripostiglio,  gli agenti della questura hanno rinvenuto e sequestrato una pistola a salve, priva de tappo rosso,  marca Bruni calibro 8 , completa di caricatore, 24 cartucce artigianali, appositamente preparate per essere utilizzate con quell’arma e una quarantina di  detonatori.Le capsule detonanti che sono particolarmente pericolose, erano custodite, in quattro scatole sigillate.

Portata a termine l’operazione Giuseppe De Pasquale è stato dichiarato in arresto e condotto subito negli uffici della questura di via Palatucci. Successivamente è stato trasferito nella casa circondariale di largo Magli, a disposizione del magistrato inquirente.Ora gli investigatori della Squadra Mobile stanno lavorando per accertare se l’uomo custodisse la pistola, le munizioni e  i numerosi detonatori per conto di qualche gruppo malavitoso che opera in città.

Il rinvenimento delle capsule esplosive fa  ipotizzare che si possa trattare di una banda che è dedita al racket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche