13 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Giugno 2021 alle 08:02:35

Cronaca

Allarme nubifragio. Allertata anche la protezione civile

Da ieri sono presidiati sottopassi e punti critici per la circolazione stradale


Nettuno fa paura. Fino alle prossime 24 ore c’è l’allarme nubifragio.

Allertata la protezione civile e, sui cartelli luminosi della polizia municipale, si invitano gli automobilisti a stare lontani dai sottopassi che potrebbero diventare dei laghi.

Su tutto il sud si è formato un nuovo ciclone, ribattezzato “Nettuno”. Secondo le previsioni porterà una nuova fase di maltempo anche sulla Puglia, con nubifragi e allerta massima su Taranto, Brindisi e Salento. 

Oggi, domenica 1 dicembre, tutto il centro-sud sarà assediato da Nettuno.

Possibile rischio di alluvione per la quantità di pioggia che cadrà e tutti sono chiamati a prestare molta attenzione.

I sindaci dell’intera provincia jonica stanno invitando i cittadini, anche attraverso i social network, a rispettare le regole più elementari in caso di nubifragio.

Ieri il sindaco di Taranto ha tenuto un vertice a Palazzo di Città per stabilire le linee operative di intervento in caso di necessità. Già dal pomeriggio di ieri presso il comando di Polizia Municipale è operativo un gruppo composto da vigili urbani, tecnici e operatori Amiu.

Sono presidiati i sottopassi e se necessario interdetti alla viabilità. In caso di necessità è operativo il centralino telefonico 099/7323204.

Si raccomanda di non lasciare le propria abitazioni in caso di fortissime e pesanti precipitazioni piovose; di non sostare in locali seminterrati specie nelle contrade Patano e Lido Azzurro; non utilizzare sottovia e sottopassi; non utilizzare cicli e motocicli per evitare sbandamenti.

E’ allerta meteo fino all’inizio della prossima settimana. Logicamente c’è allarme nel versante occidentale, soprattutto nelle zone di Ginosa e Castellaneta che ancora portano i segni dell’alluvione del 7 ottobre. Le aree attorno ai fiumi Bradano e Lato sono sotto la continua minaccia del maltempo. Resta alta l’attenzione soprattutto nelle zone dei ponti distrutti un mese e mezzo fa.

Il dipartimento nazionale della Protezione civile segue la situazione in contatto con le prefetture e le strutture locali. La piogge abbattutesi nei giorni scorsi sull’area ionica hanno creato grossissimi disagi. Massima attenzione per gli automobilisti per l’asfalto che viene reso viscido dalla pioggia.

Ogni volta che sulla città e sui quartieri periferici si abbatte un nubifragio vengono messi a dura prova a causa del consueto problema degli allagamenti. Soprattutto in via Ancona, viale Jonio, a Lido Azzurro, a Talsano, Lama e San Vito si formano veri e propri laghi.

La perturbazione successivamente si sposterà verso Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche