05 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2020 alle 16:02:00

Cronaca

Non è finita. In arrivo un’altra perturbazione meteo

La prefettura di Taranto ha allertato vigili del fuoco, protezione civile e forze dell’ordine. Ai Tamburi un albero è caduto su un’auto


Il ciclone Nettuno ha provocato danni e disagi in tutta la provincia jonica, e nelle prossime ore, è attesa una nuova perturbazione. In allerta vigili del fuoco, protezione civile e forze dell’ordine, cooordinati dalla prefettura. Ieri per il forte vento nel rione Tamburi un albero è caduto su una macchina che era parcheggiata per strada.

L’abbondante pioggia ha provocato danni e disagi, soprattutto nei territori di Castellaneta e Ginosa, già duramente colpiti dall’alluvione del 7 ottobre scorso, che provocò quattro vittime.


La perturbazione ha creato seri danni nel versante orientale della provincia di Taranto. A Ginosa  dove sono franate alcune strade e sono state evacuate diverse abitazioni rurali.

Fortunatamente non si registra nessun ferito. Il sindaco di Ginosa ha decretato per oggi la chiusura delle scuole.

A Castellaneta l’amministrazione comunale ha segnalato allagamenti sulla strada statale 7, in località “Madonna del Carmine” sulla strada provinciale 13 e su altre strade provinciali con tratti di asfalto divelti dall’acqua.

A  Ginosa è crollato un muretto in via Bainsizza e sono rimasti sott’acqua campi e alcune contrade del litorale. 

La Polizia Municipale, insieme al Ser e ai volontari di altre associazioni, sta monitorando i punti critici. Disagi anche neI versante orientale della provincia.

A Manduria si sono registrati allagamenti lungo litoranea che hanno costretto le autorità a interromperla in due punti: all’altezza del fiume Chidro e del villaggio turistico Lido dei Messapi a San Pietro in Bevagna.

Il ponte è stato chiuso al traffico perché la forte mareggiata ha raggiunto la parte che sta franando rendendo quindi pericolosa la struttura.

Nella serata di ieri è scattato il piano di emergenza della Protezione civile e una squadra del gruppo Ser di Manduria ha provveduto a mettere in sicurezza l’area deviando la circolazione su altre direttrici.

Gli uomini e le donne del gruppo Servizio emergenza radio della protezione civile di Manduria sono stati allertati da venerdì scorso proprio per fronteggiare situazioni di pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche