03 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

Cronaca

Accoltellato in casa: è grave. Colpito alla schiena e all’addome

La vittima è stata sottoposta ad intervento chirurgico. Indagano i poliziotti della Squadra Mobile


E’ stato accoltellato in casa, presumibilmente durante una lite.

Un sorvegliato speciale di ventinove anni, Antonio D’Ippolito, dal primo pomeriggio di ieri è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale “Ss. Annunziata”.

I poliziotti della Sezione Volanti, diretti dalla dottoressa Carla Durante, su indicazione della centrale operativa della questura si sono recati in via G. Giovine dove era stata segnalata un movimentata lite all’interno di uno stabile.


Giunti sul posto gli agenti hanno appreso che un giovane, ferito da un arma da taglio, si era già recato con l’aiuto di un conoscente al pronto soccorso del nosocomio di via Bruno.

Appresa la notizia i poliziotti sono piombati in ospedale riscontrando che un sorvegliato speciale di ventinove anni era stato accompagnato al pronto soccorso in quanto era stato ferito con due fendenti sferrati probabilmente con un coltello di grosse dimensioni, all’addome e alla schiena.

D’ippolito che è stato immediatamente sottoposto ad intervento chirurgico, è attualmente ricoverato in prognosi riservata. Indagini sono state avviate  degli investigatori della Squadra Mobile, diretti dal dottor  Roberto Giuseppe Pititto. I poliziotti in borghese della questura in queste ore stanno ascoltando persone che potrebbero fornire elementi utili alle indagini.

Come detto gli investigatori non escludono che l’accoltellamento sia avvenuto dopo un violento litigio con persone  che la vittima conosce.

D’Ippolito ha avuto la peggio e allora è corso, sanguinante, in strada. E’ stato subito soccorso da un conoscente che lo ha fatto salire in auto e lo ha condotto d’urgenza all’ospedale  “Ss. Annunziata” . Un inquietante episodio che avrebbe alla base contrasti di natura personale. 

Nelle prossime ore potrebbero esserci sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche