Cronaca

Attentati e rapine: c’è il vertice

Sarà varato un piano anticrimine per le festività natalizie. Al centro della riunione anche l’allarme per i due attentati agli imprenditori


TARANTO  – Piano antirapine per le festività natalizie e attentati agli imprenditori sono i temi caldi che verranno discussi domattina nel corso di un vertice che sarà presieduto dal prefetto Claudio Sammartino.
Alla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica parteciperanno i vertici delle forze dell’ordine ma anche i sindaci della provincia. Saranno prese in esame le esigenze  riguardanti la sicurezza e l’obiettivo è quello di mettere in atto un piano anticrimine che abbia alla base il coordinamento tra forze dell’ordine e le polizie locali.
Saranno rafforzati i controlli soprattutto nei pressi degli obiettivi cosiddetti sensibili come banche, uffici postali, gioiellerie, esercizi commerciali e aree di servizio che troppo spesso finiscono nel mirino dei rapinatori.


Equipaggi anche in abiti borghesi contrasteranno gli altri reati predatori con i furti, gli scippi e i borseggi . “La riunione costituirà una occasione per ribadire la necessità di affrontare le problematiche e le criticità presenti nell’ambito provinciale- sottolinea la prefettura- ottimizzando le risorse destinate alla sicurezza dei cittadini e di assicurare servizi più efficaci con particolare riguardo alle zone più sensibili e alle attività più esposte”.
Riflettori puntati anche sull’allarme che hanno suscitato tra gli imprenditori i due attentati incendiari compiuti nel giro di pochi giorni alla sede di Taranto di Confindustria e all’abitazione del presidente della Confederazione degli agricoltori.
Dopo i politici nel mirino sono finite  le associazioni di categoria.
Prima è  stato dato alle fiamme il portone della sede di Confindustria, poi  è toccato al presidente della Cia  e presidente della Subfor della Camera di Commercio di Taranto, Nicola Spagnuolo.
Incendiata la sua villa al mare, a San Pietro in Bevagna. Ingenti i danni in alcune stanze che sono inagibili. Ieri mattina  il presidente si è recato presso il commissariato di Polizia di Manduria per denunciare l’episodio.Gli investigatori  indagano in tutte le direzioni  poichè  non è ancora chiaro se l’atto intimidatorio sia collegato a fatti  legati alla sfera personale di Spagnuolo o alla sua attività da presidente dell’associazione di categoria o della Subfor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche