29 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 28 Gennaio 2022 alle 22:49:00

Cronaca

Palazzo degli Uffici, il Comune ora batta un colpo

L’appello dell’associazione “Aldo Moro” al Sindaco: rompere ogni indugio ed emettere un provvedimento urgente di messa in sicurezza dello stabile


Una storia fatta di false partenze e aspettative clamorosamente deluse. Ora è arrivato abbondantemente il momento di prendere una posizione netta su Palazzo degli Uffici.

A rivolgersi al sindaco Stefàno è l’associazione culturale “Aldo Moro” e cioè ex studenti, ex docenti e docenti dell’Archita.

Il Comitato direttivo dell’associazione nella riunione di giovedì scorso ha espresso “vivissima preoccupazione per lo stato di abbandono in cui attualmente versa il Palazzo degli Uffici, a seguito della sospensione dei lavori di ristrutturazione e della rimozione del tetto o di parti di esso”.


“Le piogge abbondanti cadute nei giorni scorsi e quelle che prevedibilmente potranno esserci nella stagione invernale  – ricorda il presidente dell’associazione, il prof Damiano Palma – potrebbero provocare al Palazzo e alle sue strutture, a causa delle copiose infiltrazioni di acqua, seri e gravi rischi di stabilità, con tutte le conseguenze immaginabili, oltre che danneggiare irreparabilmente il prezioso patrimonio librario e archivistico del Liceo statale Archita che si trova ancora lì custodito”.

Pertanto, “considerata la situazione e considerato che, come si evince da notizie di stampa, il Consorzio di imprese aggiudicatario dei lavori non ha fatto, ad oggi, pervenire risposte sufficienti e certe per quanto concerne l’immediata esecuzione dei lavori di copertura del Palazzo” il Comitato direttivo dell’associazione invita il sindaco “a rompere ogni indugio e ad emanare quel più volte invocato provvedimento di messa in sicurezza dello stabile, dettato da motivi di somma urgenza, allo scopo di prevenire quei pericoli di stabilità paventati”.

L’associazione attende anche la convocazione di un incontro con Stefàno “a suo tempo richiesto e non ancora fissato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche