10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 15:20:57

Cronaca

Al Presepe vivente agnellini sbranati dai cani randagi

L'incredibile vicenda accaduta a Talsano


Agnellini e galline che stavano facendo le “comparse” al presepe vivente di Talsano sono stati sbranati dai cani randagi.

Una triste fine per le bestiole che erano custodite nell’area del Santuario Nostra Signora di Fatima. 

Ad avventarsi contro tre agnellini, gli animali da cortile e contro un’oca un branco di cani affamati e purtroppo liberi di scorrazzare senza alcun controllo. E’ accaduto nella notte tra sabato e domenica. Sono intervenuti i veterinari della Asl. Qualche ora prima a Talsano al tradizionale presepe vivente, quest’anno alla quinta edizione, erano arrivati Maria e Giuseppe, due figuranti giunti in groppa ad un asinello e che si erano uniti al corteo dei presepianti con banda e zampognari.

La manifestazione ha avuto inizio partendo all’istituto Nigro delle Suore Discepole di Gesù Eucaristico. Percorrendo il corso principale il corteo è giunto in via Pio XII. La parrocchia si è mobilitata per allestire capanne di legno nei 5000 metri quadrati del campo sportivo.

I personaggi interagiscono con gli spettatori, suggerendo anche un percorso spirituale. Due anelli di case circondano un pozzo ed un ovile, con una fuga di locande e scenari pittoreschi. Nel cuore del villaggio, la capanna della Natività. Il tema dell’anno è: “Un laboratorio di talenti per presepe” ispirato alla nota pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, sul valore e la missione degli oratori. Per questa edizione c’è un gemellaggio con il Presepe medievale di Castro.

L’anno scorso l’arcivescovo di Taranto diede inizio ai lavori dell’Oratorio. Per tanti anni l’area retrostante il santuario della Madonna di Fatima è stata sinonimo di aggregazione. Il progetto di mettere mano ad impianti vecchi che raccontano due generazioni,  ha spinto a progettare un centro polivalente sportivo, completamente accessibile che diventerà laboratorio di talenti a beneficio delle famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche