26 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Novembre 2020 alle 06:40:39

Cronaca

“Mamma, dammi i soldi o ti uccido”. Arrestato un 45enne

L'uomo affidato a una comunità terapeutica dopo la condanna per maltrattamenti in famiglia


GROTTAGLIE – “Dammi i soldi o ti uccido e distruggo la casa”. Un 45enne ha minacciato pesantemente l’anziana madre che è stata costretta a fuggire in pantofole e a rifugiarsi nella caserma dei carabinieri.

I militari della stazione di Grottaglie, la scorsa notte, hanno arrestato l’uomo per estorsione e maltrattamenti in famiglia. Affidato in prova ai servizi sociali presso una comunità terapeutica, per essere stato già condannato qualche tempo fa sempre per maltrattamenti ai familiari, aveva ottenuto un permesso premio per trascorrere le festività natalizie a Grottaglie, a casa della madre. Fin dal suo arrivo, però, era cominciato un inferno per la donna, con continue richieste di denaro, accompagnate da ingiurie e minacce.

La malcapitata, una settantenne aveva ceduto a tali richieste per evitare conseguenza peggiori, dando al figlio piccole somme di denaro necessarie, a suo dire, per comprare le sigarette e qualche birra. Ieri, dopo l’ennesima richiesta di soldi, l’anziana ha opposto un netto rifiuto, facendo andare su tutte le furie il figlio, che, per tutta risposta, ha minacciato di prenderla a calci e pugni fino a ucciderla e di distruggere l’appartamento.

La donna, impaurita, è stata costretta a lasciare in pantofole e in tutta fretta la propria abitazione rifugiandosi presso la locale stazione dell’Arma.

I carabinieri, dopo averla ascoltata, rendendosi conto della gravità dell’accaduto, hanno avviato le ricerche del 45enne insieme ai loro colleghi del nucleo operativo e radiomobile di Martina Franca. L’uomo è stato rintracciato alle prime luci dell’alba mentre stava rientrando a casa della donna, incurante di ciò che aveva fatto all’anziana madre. E’ stato dichiarato in arresto e condotto presso la comunità terapeutica ai “domiciliari” e a disposizione del pm di turno, dott.ssa Lucia Isceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche