31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 22:04:00

Cronaca

Gambizzato in un circolo ricreativo della Città Vecchia

Un 45enne è stato ferito a colpi di pistola in un locale situato in via Cava


E’ stato ferito, a colpi di pistola, mentre era nel circolo ricreativo, nella Città Vecchia.

Antonio  Pizzolla, quarantacinquenne, è stato “gambizzato” nella tarda serata di ieri, intorno alle 22.30, nella sala giochi situata in via Cava.

Appena è stato lanciato l’allarme gli agenti della Squadra Volante, su indicazione della centrale operativa, sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’osepdale “Ss. Annunziata” dove poco prima era stato condotto il 45enne ferito alla gamba sinistra da un colpo di pistola.

Giunti sul posto i poliziotti hanno appreso, dalle dichiarazioni del ferito, che mentre era da solo all’interno del locale situato in via Cava è stato avvicinato da un uomo, con il volto coperto da casco da motociclista e pistola in pugno, che gli ha esploso contro tre colpi uno dei quali lo ha centrato alla gamba sinistra, all’altezza del ginocchio.

Al momento non è certo se l’autore dell ferimento sia fuggito a bordo di una moto guidata da un complice.

Nel circolo ricreativo sono piombati gli investigatori le della Squadra Mobile, diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto, e i loro coleghi della Polizia Scentifica i quali hanno eseguito per i primi rilievi del caso.

Gli agenti hanno recuperato un bossolo e, conficcata nella porta del locale, una ogiva calibro 7.65.  Antonio Pizzolla è stato medicato e poi dimesso dal nosocomio di via Bruno con una prognosi di 20 giorni. Indagini in corso per individuare l’autore dell’agguato a suon di piombo.

Gli investigatori della Squadra Mobile stanno indagando in tutte le direzioni, compresa quella della droga, visto che il quarantacinquenne che risiede nella Città Vecchia, ha precedenti in materia di stupefacenti.

Non è escluso che l’agguato possa essere scattato dopo un litigio. I poliziotti stanno lavorando a 360° per dare un nome e un volto all’autore del primo ferimento, a colpi di pistola,  del 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche