11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 15:52:57

Cronaca

Voto, il Pdl alla guerra degli avv.


TARANTO – La guerra… degli avvocati. Nel centrodestra parte la corsa alle prossime elezioni comunali. A dire il vero si tratta di una corsa a rilento visto che dopo mesi d’impasse (anche per la prematura scomparsa di Franzoso) ancora non si conoscono le dinamiche che porteranno all’investitura ufficiale del candidato sindaco. Una candidatura lanciata quasi un anno fa (forse in maniera troppo frettolosa) è quella di Angelo Esposito, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto. Il primo “difensore” della serie.

Esposito raccoglierebbe l’appoggio della componente facente capo al vicecoordinatore provinciale del Pdl Arnaldo Sala (anche lui avvocato). Nelle scorse settimane invece è stato, quasi a sorpresa, l’avvocato Luigi Albisinni a candidarsi a sindaco per “Taranto C’è”. L’ex assessore provinciale ha messo bene in chiaro la sua “ideale collocazione”: il centro-destra, appunto. E poi c’è l’avvocato Aldo Condemi. Il consigliere comunale, noto ai più per aver curato diversi ricorsi per le multe comminate dalla Polizia Provinciale, ha in più occasioni espresso la volontà di scendere in campo nella tornata elettorale. Restano da valutare le posizione di rilievo del vicecoordinatore regionale del Pdl, l’avvocato Gianfranco Chiarelli e della componente che fa capo al sindaco di Roma Gianni Alemanno ed all’ex sottosegretario alla Difesa Alfredo Mantovano che in riva ai due mari è rappresentata dal consigliere comunale del Pdl Giampaolo Vietri, da Franco Vitanza e dall’avvocato (manco a dirlo) Donato Salinari. Tutto è ancora bloccato in attesa dei congressi del Pdl tarantino che con ogni probabilità si terranno i primi di febbraio. Gli alleati non mancano. La Destra di Storace guidata dal segretario provinciale Graziana Bruno e i Popolari Liberali del coordinatore provinciale Angelo Fiore, sono pronti ad avanzare proposte alternative. Il quadro comunque resta piuttosto nebuloso anche perché proprio oggi Davide De Fazio, coordinatore cittadino de La Puglia Prima di Tutto fa sapere che: “entro la prossima settimana chiederemo un incontro agli altri partiti di area per giungere ad una scelta comune. Se non si dovesse giungere a tale risultato procederemo alla scelta del candidato sindaco da noi già individuato”. Difficile dunque perseguire il diktat di Angelino Alfano: “Faremo le primarie per la scelta del candidato e saranno ad ogni livello” ha detto un mese fa il segretario del Pdl. Ragionamento che non fa una grinza ma quando mancano poco più di 4 mesi al voto, le primarie allungherebbero ancor più l’iter per la ricerca del candidato.

Fabio Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche