22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 12:59:57

Cronaca

I politici alla Cementir, dopo l’Sos dei lavoratori

Con l’indotto, in ballo ci sono quasi trecento posti


L’sos era partito nei giorni scorsi. Con le rsu aziendali a richiamare l’attenzione dei politici.

E così stamattina, al nono giorno di presidio, a far visita ai lavoratori sono i rappresentanti di Sel, tra i quali la parlamentare tarantina Donatella Duranti.

La parola è passata ai diretti interessati che hanno colto l’occasione per spiegare la situazione, le loro paure per il futuro. Alla politica chiedono impegni sul fronte degli investimenti per l’ammodernamento degli impianti, carta fondamentale se si vuole aggredire il mercato. Si guarda all’incontro di lunedì in Regione, in quella sede si attendono gli assessori Caroli e Capone. La fermata dell’area a caldo (almeno fino a metà marzo) preoccupa non poco. Se il futuro non porterà buone nuove, a vacillare saranno quasi trecento posti di lavoro. E Taranto, come evidenziato dal gruppo degli operai in presidio, non se lo può permettere. A conferma di come la situazione non riguardi solo i ‘diretti’, a presidiare i cancelli dello stabilimento da ieri sono anche gli addetti alle pulizie industriali.

Nell’indotto che gravita attorno alla Cementir si contano 195 unità. A queste vanno aggiunti i 98 diretti (con l’area a caldo ferma, ne restano in attività 42, con 56 esuberi). Fin qui i lavoratori. “La decisione della Cementir di chiudere l’area a caldo dello stabilimento di Taranto e ridurre il personale ha indotto i lavoratori a protestare con un presidio che permane da giorni davanti i cancelli della ditta. La delegazione di Sinistra Ecologia e Libertà sentirà ragioni e necessità dei lavoratori a rischio licenziamento e già promette il massimo impegno per affrontare una adeguata risoluzione. Oggi più che mai l’intero gruppo di Sinistra Ecologia e Libertà si dispone a sostegno dei lavoratori Cementir di Taranto” si legge nella nota con la quale Sel ha annunciato la visita allo stabilimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche