22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 20:15:26

Cronaca

Decreto del Governo su Ilva, Legambiente soddisfatta a metà

Buono il giudizio sul passaggio alla Camera, ma ci sono ancora troppe incertezze


«Finalmente il decreto Terra dei fuochi e Ilva arriva in discussione alla Camera. Ben vengano le ultime modifiche apportate al provvedimento, rafforzato rispetto al testo approvato dal Cdm, che hanno l’obiettivo di contrastare la criminalità organizzata, di tutelare la salute e il benessere della collettività, salvaguardare l’agricoltura di qualità». E' quanto ha dichiarato Rossella Muroni direttore generale di Legambiente.

Per quanto riguarda le misure sull’Ilva contenute nel decreto, secondo Legambiente «se da una parte sono positive le misure per aggiornare gli studi epidemiologici e per attivare gli screening sanitari, continuano a mancare nuove indicazioni sulla Valutazione del danno sanitario, che nelle disposizioni attuali consente una valutazione delle ricadute sulla salute solo ad AIA completamente attuata e non da subito. Inoltre si prevede ancora lo slittamento dei termini di approvazione del Piano Ambientale e di quello Industriale. Rimane infatti il termine di fine febbraio per una scadenza che doveva già essere risolta dal novembre scorso. Infine rimane l'incertezza su cosa effettivamente verrà attuato, in termini di risorse effettivamente spese, nel 2014 (mancano indicazioni temporali che vadano oltre quella di aver dato inizio all'80% delle misure) e oltre».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche