Cronaca

Marò, si fa sul serio: il ricorso in aula la prossima settimana

La posizione del Governo italiano: “nel comportamento indiano è configurabile una figura di offesa al massimo tribunale”


Nel ricorso che l’Italia ha presentato alla Corte Suprema sulla vicenda dei marò si sostiene che “nel comportamento indiano è configurabile una figura di offesa al massimo tribunale” perchè per un anno non è stato fatto nulla di quanto da questo raccomandato.

Lo si è appreso oggi da fonte giudiziaria indiana. Le indagini non si sono concluse, si dice, il processo non è cominciato, e potrebbe essere applicata una legge antiterrorismo (Sua Act) che non è fra quelle indicate dalla Corte Suprema.

Nel ricorso presentato alla Corte Suprema indiana sulla vicenda dei marò, l’Italia chiede che "si presentino subito i capi d’accusa senza l’utilizzazione della legge antiterrorismo (SUA Act)", già esclusa dall’Alta Corte del Kerala, o in alternativa che "si autorizzino i marò a rientrare in Italia per attendere i tempi del processo indiano".

La Corte Suprema, il massimo tribunale indiano, dovrebbe esaminare l’ammissibilità del ricorso italiano sul caso dei due marò "nei primissimi giorni della prossima settimana".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche