22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

“Diossine nel latte bovino, si faccia chiarezza”

La richiesta di convocazione delle Commissioni regionali Ambiente e Salute da parte del Consigliere Pd Michele Mazzarano


«In merito alle preoccupanti risultanze della campagna di campionamento e monitoraggio condotto dal Dipartimento di Prevenzione dell'Asl di Taranto, dall'Istituto Zooprofillattico, da Arpa Puglia, sugli effetti delle emissioni inquinanti nel territorio di Taranto che ha attestato la presenza di valori di Pcb e Diossine nel latte bovino dell'allevamento di Giuseppe Charelli lungamente superiori ai limiti consentiti, ho fatto formale richiesta ai Presidenti delle Commissioni Sanità e Ambiente, Dino Marino e Donato Pentassuglia, di indire una riunione congiunta delle commissioni per affrontare quanto emerso dal campionamento e dal monitoraggio».

Lo ha annunciato in una nota il Consigliere regionale del Partito democratico, Michele Mazzarano.

«Ai fini di un maggiore approfondimento dei dati emersi dal campionamento e di presa visione della documentazione scientifica prodotta e per mettere in campo qualsiasi iniziativa politica ed istituzionale conseguente – ha proseguito Mazzarano -, ho chiesto ai colleghi presidenti di Commissione di invitare nella specifica riunione e audire i rappresentanti istituzionali del territorio e i rappresentanti degli organi scientifici e sanitari titolari del monitoraggio (Asl TA, Dipartimento di Prevenzione, Servizio Veterinario, Arpa Puglia, Sindaco di Massafra, Commissario della Provincia di Taranto)».

«Lo sconcerto che questa vicenda ha destato nei cittadini – ha concluso il Consigliere regionale – merita una risposta ferma e decisa da parte delle istituzioni per tutelare la salute dei cittadini. Considero delittuoso ogni tentativo di minimizzare e relativizzare l'accaduto.
E' necessaria una reazione che rassereni i cittadini sulla loro sicurezza alimentare e che eviti di infliggere un altro duro colpo alla nostra agricoltura, alla nostra zootecnia, ai nostri prodotti. Spero che i colleghi interpellati vogliano dare seguito tempestivamente alla mia richiesta».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche