17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 22:58:00

Cronaca

Carico di droga sulla spiaggia a Campomarino di Maruggio

Ottanta chili di sostanza stupefacente avrebbero fruttato 500mila euro


MARUGGIO – I carabinieri recuperano 82 chili di marijuana sulla spiaggia di Campomarino.

Nella mattinata di ieri, durante un servizio a largo raggio lungo il tratto della litoranea jonico- salentina i militari della Stazione di Maruggio, coadiuvati da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manduria, delle Stazioni di Lizzano, Pulsano, Torricella e dal personale della motovedetta della Compagnia  di Taranto, hanno sequestrato un carico di droga.

Venticinque panetti di droga nascosti all’interno di un grosso borsone che era adagiato sulla battigia mentre altri sette sono stati rinvenuti a circa un chilometro di distanza dal luogo di ritrovamento del borsone.

La sostanza stupefacente sequestrata, molto probabilmente destinata allo spaccio al dettaglio, se fosse arrivata sul mercato avrebbe fruttato circa 500mila euro.

I carabinieri della Stazione di Maruggio e del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno immediatamente avviato le indagini tese ad individuare la provenienza dello stupefacente e a chi fosse destinata. Nelle settimane scorse a fare una analoga scoperta erano stati i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Manduria recuperando  43 chili di marijuana. La sostanza stupefacente era stata rinvenuta su una scogliera di Campomarino.

Nei successivi un altro carico di marijuana era stato trovato abbandonato sulle spiagge di Campomarino di Maruggio. Ad intervenire erano stati  due militari della Guardia di Finanza liberi dal servizio. Durante una battuta di pesca in località Piri Piri, i due colleghi avevano notato, abbandonati sulla spiaggia, diversi involucri di cellophane colorati. I militari delle Fiamme Gialle avevano potuto così constatare che i pacchi contenevano sostanza stupefacente del tipo marijuana, circa 35 chili.

Era stata avvertita tempestivamente la sala operativa del comando provinciale che aveva inviato sul luogo del ritrovamento una pattuglia di “baschi verdi” che aveva provveduto a sottoporre a sequestro lo stupefacente. Tre grossi sequestri in poche settimane. Ben 160 chilogrammi di marijuana proveniente probabilmente dal paese delle Aquile e destinati ai gruppi di pusher che operano in tutta Puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche