Cronaca

I “furbetti” in aumento. Gli evasori scovati a Taranto e provincia

La Guardia di Finanza ha accertato oltre 50 milioni di tasse non pagate


Ci sono più “furbetti” del fisco. In aumento il fenomeno dei grandi evasori nel territorio jonico.  Nel 2013 la Guardia di Finanza ne ha denunciati più di cinquanta, nel 2012 erano stati quarantasei. Gli investigatori delle Fiamme Gialle diretti dal colonnello Salvatore Paiano  hanno accertato oltre cinquanta milioni di tasse non pagate. Intenso il lavoro della Finanza dislocati sull’intera area tarantina  che hanno ottenuto risultati di rilievo. L’attività di ricerca degli evasori è stata condotta in maniera sistematica e con tecniche investagative innovative.

L’ultima significativa operazione  del 2013 è quella condotta a Pulsano. I militari del Gruppo di Taranto hanno scoperto una azienda di commercio al dettaglio che ha evaso tre milioni di euro.Il titolare della ditta avrebbe effettuato ingenti acquisti di materiale da imprese con sede a San Marino, occultando le relative fatture di acquisto e di vendita.

Nei primi mesi dell’anno le Fiamme Gialle hanno scoperto una evasione fiscale da 5 milioni di euro a Sava, ad opera di una impresa del settore delle lavorazioni meccaniche. Tre gli imprenditori denunciati che avrebbero utilizzato un prestanome per sfuggire ai controlli del fisco.

Nello stesso periodo il Nucleo di polizia tributaria ha segnalato un imprenditore che opera nell’impiantistica che ha evaso 750mila euro. A  Laterza sei nei guai per una società di ristorazione che ha evaso oltre un milione. A Massafra denunciato un imprenditore che non ha pagato tasse per oltre 5 milioni. Altri grandi evasori scovati a Manduria, Sava, Lizzano, Leporano, Palagiano e Castellaneta.

Una delle ultime verifiche a Taranto: segnalato il titolare di negozi di calzature che ha evaso quasi un milione di euro. Infine a  Martina Franca nel mirino un professionista, una azienda  che opera nel settore delle confezioni e una in quello degli impianti di distribuzione di carburanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche