25 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Giugno 2021 alle 18:55:18

Cronaca

Orrore a Genova, massacrati di botte due senzatetto “tarantini”

Sono finiti in ospedale con traumi e fratture su tutto il corpo


TARANTO – Jan e Alice, (nella foto del Secolo XIX) due senzatetto slovacchi, ma tarantini di adozione, nella città dei Due Mari erano benvoluti e rispettati. Venerdì notte a Genova sono stati massacrati a colpi di spranga durante un raid di matrice xenofoba.  Da un paio di mesi avevano lasciato Taranto dopo aver lavorato come badanti. Poi l’anziano che accudivano era morto e la coppia era rimasta senza un soldo. 

Quando era a Taranto Jan cercava lavoro e chiedeva l’elemosina all’angolo di piazza Immacolata affiancato dalla sua amatissima Luna, una barboncina bianca che la notte del raid è fuggita.  Jan e Alice e due loro parenti stavano passando la notte all’addiaccio, sotto i portici di piazza Piccapietra, quando sono stati aggrediti da quattro persone armate con tubi Innocenti.

I malcapitati sono finiti all’ospedale  “Galliera” con traumi e fratture in tutto il corpo. La polizia dopo aver acquisito i video dei sistemi di sorveglianza dei negozi della zona sta stringendo il cerchio attorno agli aggressori. Avevano il volto coperto da occhiali da sole e cappucci. E due di loro indossavano pantaloni mimetici.

Sarebbero stati proprio  gli ultimi due a controllare se i senzatetto dormissero, per poi passare all’azione. Li hanno colpiti con ferocia.

L’uomo che era nella tenda, Jan Bobak, ha riportato un trauma cranico ed è ricoverato all’ospedale Galliera: è il più grave tra i feriti. La moglie Alice Velochova, 45 anni, ha una frattura alla mano. Gli altri senzatetto aggrediti sono, marito e moglie, entrambi di 49 anni.

L’uomo ha riportato varie lesioni ma non è in gravi condizioni mentre la donna ha una frattura scomposta ad un braccio. Dopo il blitz gli aggressori sono fuggiti dirigendosi in quattro direzioni diverse. A dare l’allarme è stato un residente della zona che ha sentito le urla delle vittime.

L’appello degli aggrediti: “Aiutateci a ritrovare Luna”. Le quattro persone che dormivano nella tenda in piazza Piccapietra avevano due cani. Uno, Falco, è rimasto vicino ai padroni durante il pestaggio. L’altra, Luna, è scomparsa. “Non esistono le razze. Il cervello degli uomini è lo stesso. Esistono i razzisti e bisogna vincerli con le armi della sapienza” diceva Rita Levi-Montalcini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche