Cronaca

Crolla palazzo, paura all’alba

All’angolo tra via Garibaldi e vico Fanuzzi si è sbriciolato uno stabile diroccato. Nessun ferito e qualche danno ad alcune macchine


TARANTO – Crolla un palazzo: paura all’alba nella città vecchia.
Un déjà vu angosciante per chi abita nel cuore del borgo antico. Intorno alle 5 di stamattina si è letteralmente sbriciolato uno stabile diroccato che è situato all’angolo tra via Garibaldi e vico Fanuzzi.
All’alba un forte boato ha svegliato i residenti della zona i quali hanno capito subito che era avvenuto ciò che sono, purtroppo, abituati a vedere da anni.
L’ennesimo edificio disabitato è venuto giù di botto. Incuria, fatiscenza ma anche le abbondanti piogge di questi giorni. Tanta paura e, per fortuna, nessun ferito.
Appena è stato lanciato l’allarme sul posto sono piombati i vigili del fuoco del comando provinciale i quali hanno transennato tutta l’area ed hanno eseguito accurate verifiche per accertare  se ci siano ancora rischi, soprattutto per le case adiacenti.
Il crollo di stamattina ha causato danni ad alcune macchine parcheggiate nelle vicinanze sulle quali sono caduti alcuni pezzi di macerie. In via Garibaldi anche le pattuglie della polizia municipale che hanno subito provveduto a regolare il traffico che nella mattinata, nell’ora di punta, ha subìto rallentamenti.
Dopo la paura e la conta dei danni l’intervento dei tecnici del  Comune chiamati ad effettuare un sopralluogo per accertare le condizioni di staticità di tutta la zona vicina all’immobile interessato dal crollo. Quello degli edifici fatiscenti, a rischio crollo, è un problema che si ripresenta ciclicamente nei vicoli dell’isola e che mette in serio pericolo le famiglie che vi abitano.
Nelle ultime settimane uno stabile di via di Mezzo è venuto giù cedendo al peso dell’incuria. E prima ancora un altro crollo aveva interessato l’importante via del centro storico. Ogni volta ci si limita a togliere i detriti e a transennare la zona.
Da anni il borgo antico avrebbe bisogno di serie opere di consolidamento, ma da  anni, purtroppo nonostante l’allarme lanciato da alcuni consiglieri comunali e da rappresentanti di associazioni che operano nell’isola, non accade nulla. I cedimenti continui sono la dimostrazione del degrado in cui versa il borgo antico. All’improvviso si sgretola e viene giù ciò che resta delle vecchie costruzioni tenute in piedi da tubi d’acciaio collocati negli anni precedenti.
Diverse le segnalazioni dei residenti preoccupati per lo stato di degrado in cui versano gli immobili e soprattutto per l’incolumità  dei bambini che giocano nelle aree a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche