27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 07:35:00

Cronaca

Perseguita la ex, arrestato

TARANTO – Due arresti per stalking. Sono stati eseguiti, rispettivamente, dai carabinieri delle Compagnie di Taranto e Massafra. Ieri, mattina i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno arrestato V.C., 50enne tarantino, pensionato. E’ stato bloccato in via Alto Adige mentre era alla guida dell’autovettura della sua ex-convivente con la donna a bordo che, impaurita , non aveva opposto resistenza . Già da mesi, da quando si erano inclinati i rapporti tra i due, la donna, una tarantina di 26 anni, subiva molestie e atti persecutori da parte del suo ex-compagno, con il quale aveva avuto una figlia che ora ha 4 anni.

Era ormai terrorizzata dalla presenza costante dell’uomo, che ogni mattina la attendeva vicino al cancello della sua abitazione, pretendendo di accompagnare la piccola all’asilo, perché secondo lui erano ancora una famiglia unita. Ieri mattina l’epilogo. La donna esce da casa con la figlia e scorge la macchina dell’ex-compagno fuori dal cancello del cortile condominiale. Apre il cancello, ma si accorge che questa volta il 50enne entra all’interno, parcheggia l’auto e si infila nella macchina della donna, nella quale c’è anche la piccola. La donna rimane impietrita e non tenta neanche una reazione per non spaventare la bimba. Asseconda la volontà dell’uomo e prosegue la marcia verso la scuola. L’ex-compagno vuole costringerla a ritirare le querele sporte nei suoi confronti. La giovane mamma, approfittando del fatto che doveva accompagnare la bimba sino alla porta d’ingresso dell’aula, chiama per telefono una sua parente, spiegando quanto stesse accadendo. Ed è stata una telefonata liberatoria: i carabinieri intervengono e bloccano il 50enne. Ieri sera, invece, a Massafra, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato P.N. 45enne, operaio del luogo, per maltrattamenti in famiglia e per atti persecutori ai danni della moglie. L’ha minacciata di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche