Cronaca

Decreto Rc Auto. La soddisfazione dei carrozzieri

Dopo il dietro-front sulla riforma


“Un primo successo lo abbiamo ottenuto. Esprimiamo grande soddisfazione per lo stralcio, dal Decreto legge “Destinazione Italia”, dell’articolo 8 riguardante la riforma dell’Rc Auto”. E’ il commento dei carrozzieri di Confartigianato, che sottolineano che “norme come quelle sulla riforma dell’Rc Auto, che mettono mano ad un mercato complesso e toccano i diritti dei cittadini e l’attività di migliaia di imprenditori, hanno necessità di essere ben ponderate. Apprezziamo la sensibilità dei nostri interlocutori in Parlamento. Così come esprimiamo apprezzamento nei confronti del Governo che ha deciso di stralciare l’art. 8 mostrando di comprendere le motivate ragioni, espresse tramite Confartigianato, di 14.000 imprese di carrozzeria con 60.000 addetti e la necessità di una riflessione più approfondita sulla materia”. Fin qui Confartigianato.

“Erano inaccettabili le modifiche del parlamento che riformulava  l’Articolo 8 delle norme sulla riforma dell’RC auto contenute nel Decreto Destinazione Italia; sulla base di questo nuovo testo si consegnava  il mercato delle riparazioni nelle mani delle assicurazioni”.

Dichiara il presidente della Cna di Taranto, Gaetano L’Assainato che  sottolinea che le modifiche approvate in parlamento non facevano che confermare il potere delle compagnie di assicurazione di dettare le condizioni delle riparazioni; in sintesi si ricorda che “le nuove norme che erano in discussione imponevano di far riparare il veicolo incidentato esclusivamente dalle officine di carrozzeria convenzionate con le assicurazioni e pagate direttamente da queste ultime. In questa maniera i cittadini non avrebbero più potuto esercitare la libera scelta di essere risarciti in denaro e di farsi riparare l’auto dall’officina di fiducia”.

La mobilitazione generale della Categoria che ha scelto la via del dialogo istituzionale e politico finalizzata a far fare marcia indietro al governo sulla parte del decreto riguardante l’RC auto ha avuto il successo che meritava”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche