21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 06:50:00

Cronaca

Sarah, è il turno di Ivano

TARANTO – Si torna in Assise per il processo Michele Misseri +8. E sul banco dei testimoni sale Ivano Russo, il ragazzo conteso da Sabrina e Sarah. Sarà lui a raccontare in aula i dettagli del triangolo amoroso che sarebbe andato in tilt ad Avetrana. Sino a sfociare nella terribile tragedia di Sarah, assassinata nella villetta di via Deledda. Secondo i pm, fu Sabrina ad uccidere la cuginetta, cresciuta con lei come una sorella, con la complicità della madre Cosima Serrano. Alla base di quel delitto ci sarebbe proprio la gelosia furiosa di Sabrina. Lei era innamorata follemente di Ivano.

“Una vera ossessione” ha specificato nel suo intervento in Assise di martedì scorso il pubblico ministero Mariano Buccoliero. Quell’ossessione che portava Sabrina a chiamare Ivano Dio negli sms, avrebbe fatto crescere nel suo cuore un odio irrefrenabile per la cuginetta. Più giovane ed avvenente. Una ragazzina che pian piano la stava scalzando nelle attenzioni di Ivano Russo, strappandogli coccole e abbracci. Scene di affetto giovanile che la ragazzona di Avetrana non sopportava più. Ivano, peraltro, ha sempre sminuito la porta dei suoi rapporti con entrambe le cugine, anche se le sue parole a volte sono apparse in contrasto con quanto emerso dalla capillare attività investigativa. Per domani è previsto il suo esame e controesame, anche se appare difficile ipotizzare che la sua deposizione possa esaurirsi nello spazio di una sola udienza. Oltre alla sua deposizione, la pubblica accusa intende acquisire nell’appuntamento di domani anche quelle di Angela Cimino e Stefania De Luca. Quella della De Luca è ritenuta particolarmente importante. Fu proprio la ragazza a rivelare agli investigatori della lite avvenuta la sera prima del delitto tra Sabrina e Sarah nella birreria del paese. In quell’acceso diverbio Sabrina rimproverò aspramente la cugina più piccola proprio per le coccole che si scambiava con Ivano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche