Cronaca

Wartsila, ecco una nuova vertenza. Pronti 130 licenziamenti

La multinazionale leader nella costruzione di motori per navi ha annunciato i tagli. E’ sciopero degli straordinari


Una nuova vertenza sbarca a Taranto.

Partirà il 12 marzo prossimo il confronto tra i sindacati e la multinazionale Wartsila – leader nella costruzione dei grandi motori per navi – dopo la decisione dell’azienda di dichiarare 130 licenziamenti per gli stabilimenti italiani del gruppo. Lo rende noto il coordinamento sindacale nazionale di Wartsila, che ha confermato lo stato di agitazione e ha proclamato lo sciopero degli straordinari nelle sedi di Trieste, Milano, Genova, Napoli e Taranto.

“Come organizzazioni sindacali – afferma il coordinamento – abbiamo rigettato l’idea che si inizi a discutere dei necessari interventi industriali partendo dal tema degli esuberi e abbiamo ribadito il nostro rifiuto ad avviare la trattativa assumendo i licenziamenti come dato assodato. Riteniamo invece che vadano approfonditi in modo puntuale i contenuti di un piano industriale che abbiamo chiesto all’azienda di presentarci, che per quanto ci riguarda deve contenere invece il presupposto della prospettiva produttiva e occupazionale per il gruppo Wartsila in Italia”.

Nel capoluogo ionico Wartsila è operativa dal 2009 quando, a febbraio, fu aperta l’officina di revisione motori navali. La nuova sede di Taranto aprì con un organico di 12 persone. Oggi il rischio dei tagli passa anche da Taranto con l’iniziativa di sciopero in attesa della trattativa sugli esuberi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche