Cronaca

Mezzo chilo di droga nell’armadio in una casa del Borgo, preso

Sequestrati cinque panetti di hashish del peso di 600 grammi


Nascondeva più di mezzo chilo di droga nell’armadio.

I poliziotti della sezione “Falchi” della  Squadra Mobile nel primo pomeriggio di ieri hanno arrestato per detenzione finalizzata allo  spaccio di sostanze stupefacenti, il 53enne tarantino Alfonso Langella, incensurato.

Gli agenti in borghese della questura nel corso di una mirata operazione intorno alle 15 hanno proceduto ad una perquisizione nell’abitazione  dell’uomo, in una via del Borgo. Langella era sospettato di nascondere in casa della sostanza stupefacente e, infatti, nel corso dell’accurato controllo i poliziotti hanno rinvenuto  all’interno di un armadio, cinque panetti di hashish del peso di 600 grammi.

Al termine dell’operazione l’insospettabile  53enne  è stato dichiarato in arresto e dopo le formalità di rito  condotto nella casa circondariale di largo Magli, a disposizione  del magistrato di turno.

E’ l’ennesimo arresto per droga eseguito nel centro cittadino da un pezzo le forze dell’ordine stanno fermando quasi ogni giorno pusher . Per non citare i carichi di droga (oltre 200 chili)  che nelle ultime settimane sono stati rinvenuti sulle spiagge della provincia jonica.

Intanto nella giornata di ieri qualche ora prima, dell’arresto  per droga nell’appartamento del borgo  i poliziotti della Sezione Volanti, erano intervenire in via Pupino, dove erano state segnalate all’interno di uno stabile alcune donne intente ad occupare alcuni appartamenti disabitati ed attualmente posti sotto sequestro.

Giunti immediatamente sul postogli agenti hanno bloccato tre donne rispettivamente di 48, 43 e 20 anni che avevano sfondato le porte d’ingresso di due appartamenti  situati al secondo ed al terzo piano ed erano pronte ad occuparli.

Sono state identificate e denunciate in stato di libertà per danneggiamento e tentata occupazione abusiva. Dopo alcune ore i poliziotti sono riusciti ad allontanare le donne dallo stabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche