Cronaca

Michelone segretario pigliatutto

Nuovo incarico per il Sindaco di Bari: la guida del Pd regionale


I suoi detrattori gli rimproverano di muoversi spesso come un elefante in una cristalleria. E molte volte hanno ragione. Ma Michele Emiliano se ne frega, e va avanti sulla propria strada con la determinazione e l’arroganza di chi è stato pregato di occuparsi del partito perchè non c’erano altre soluzioni.

Poi, quando se ne occupa, ovviamente a modo suo che è lo stesso modo con cui ha amministrato Bari per quasi 10 anni, è da ingenui scendere dal pero e gridare allo scandalo. Emiliano è Emiliano, parafrasando lo storico slogan “Sanremo è Sanremo” (visto che siamo in tempi di canzonette), e pretendere che risponda alle logiche di certa politica, a volte giuste a volte sbagliate, è semplicemente una chimera. Come direbbe lui: Avete voluto la bicicletta? Ora pedalo io.

Ecco perchè abbiamo rinunciato da tempo a leggere le mosse politiche del neo segretario seguendo l’analisi logica tradizionale.

Emiliano è puro istinto al quale piega i suoi calcoli politici, ma solo successivamente. Dietro la Presidenza alla tarantina Anna Rita Lemma non c’è solo la scelta di genere o quella di rappresentanza di un territorio, quello di Taranto appunto, dove il sindaco di Bari tenta da anni di accreditarsi come interlocutore regionale.

E lo stesso si può dire per le due vice segretarie Assuntela Messina e Sandra Antonica.

E allora perchè, si domandano gli strateghi di vecchio corso nel partito? Alla sfilza di congetture che girano ormai da due giorni, ci permettiamo di aggiungerne una: e se non ci fossero congetture da fare?

Intanto Taranto ha di nuovo un posto di primo piano nel partito regionale, e questo è un dato di fatto. Perciò cara Lemma auguri, e questi non sono di facciata.

Michele Mascellaro
Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche