27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Gennaio 2021 alle 15:19:23

Cronaca

Il Comune in campo. Le strutture di Paolo VI e Tramontone

L’assessore Gionatan Scasciamacchia annuncia l’affidamento degli impianti sportivi


“A breve sarà pubblicato il bando per l’affidamento dell’impianto sportivo di proprietà comunale presente al quartiere Paolo VI e sarà possibile, inoltre, affidare temporaneamente la struttura sportiva sita nel quartiere Tramontone mediante manifestazione di pubblico interesse, aperta a tutte le associazioni”. E’ quanto dichiara l’assessore allo Sport Gionatan Scasciamacchia dopo l’approvazione delle delibere di Giunta avvenuta nella mattinata di ieri.

“Il percorso dell’amministrazione è quello di continuare a valorizzare lo sport garantendo alle associazioni la realizzazione delle proprie attività socio-sportive, attraverso le quali si promuove l’integrazione tra giovani appartenenti a diverse realtà sociali. Le realta dei “campi” di Paolo VI e Tramontone – sottolinea l’assessore – sono importanti per il territorio anche in termini di prevenzione di comportamenti devianti da parte di ragazzi che altrimenti potrebbero intraprendere percorsi diseducativi se non avessero una valida alternativa. Lo sport, pertanto, è un elemento basilare per lo sviluppo armonico dei ragazzi: un’attività fisica che non solo garantisce un benessere fisico, ma che diventa occasione di interazione e cooperazione tra coetanei.

A tal proposito – commenta l’assessore Scasciamacchia – abbiamo adottato la linea della condivisione degli spazi pubblici. Il campo di Tramontone sarà affidato temporaneamente (l’impianto è oggetto di finanziamenti per la ristrutturazione e ampliamento) alle tante associazioni sportive del territorio che potranno nominare, in seguito, un’ente di promozione o un’associazione come soggetto capofila, la quale avrà il compito di interagire con l’Amministrazione comunale e garantire l’omogeneità degli spazi tra le associazioni partecipanti. Per l’impianto di Paolo VI, la Giunta comunale ha optato per il bando di gestione pluriennale. Uno dei criteri di valutazione sarà quello di garantire la massima apertura alle realtà associative del territorio. Il percorso adottato da questa amministrazione – conclude l’assessore – che consiste nella massima apertura e condivisione degli impianti sportivi comunali, continuerà a permettere, alle realtà sportive del territorio, l’utilizzo di spazi che prima erano utilizzati da singole associazioni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche