17 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Giugno 2021 alle 19:23:30

Cronaca

Verso la revoca dell’accusa di terrorismo e pirateria

Nuove indiscrezioni sulle decisioni del governo indiano sul caso dei Marò


NEW DELHI – Il governo indiano avrebbe deciso di non perseguire i due marò sulla base della legge antipirateria e antiterrorismo.

Lo scrive il ‘Times of India’, a due giorni dalla nuova udienza presso la Corte suprema indiana, in occasione della quale l’esecutivo dovrà presentare un rapporto scritto su come intende procedere nei confronti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

L’Italia, che nei giorni scorsi, dopo l’ennesimo rinvio della giustizia indiana, ha richiamato a Roma l’ambasciatore a Nuova Delhi, ha sempre respinto il ricorso al Sua Act per processare i due marò, sostenuta in questo nelle ultime settimane anche da Ue e Onu.

Secondo quanto scrive il giornale, far cadere le accuse sulla base del Sua Act avrebbe effetti sul ruolo della National investigation agency (Nia), che perderebbe la giurisdizione sul caso.Per questo, il governo avrebbe intenzione di chiedere alla Corte suprema l’autorizzazione per la Nia a continuare le indagini, anche in assenza di un ricorso alla legge antiterrorismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche