Cronaca

Un bando per i giovani mitilicoltori tarantini

L’annuncio dell'assessore regionale Fabrizio Nardoni


BARI – Un nuovo bando della Regione Puglia con finanziamenti per aiutare i mitilicoltori tarantini travolti dalla grave crisi del settore con premialità aggiuntive riservate ai giovani che intendono avviarsi in questa attività.

Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Pesca, Fabrizio Nardoni, nel corso della presentazione di un innovativo progetto che punta a migliorare la qualità dell’intera filiera ittica nei processi produttivi di terra e di mare e riguarda le marinerie di Taranto, Bisceglie e Molfetta.

L’iniziativa è curata dall’Osservatorio Nazionale della Pesca insieme a due società ed è finanziata dalla Regione Puglia con fondi europei. Si concluderà a dicembre di quest’anno e si rivolge agli addetti del settore delle tre marinerie pugliesi coinvolte e anche agli studenti degli istituti nautici di Molfetta e Taranto.

Lo scopo è quello di migliorare le competenze tecniche e professionali delle diverse figure lavorative del settore ittico attraverso una formazione mirata che avverrà anche con lezioni online. In questo modo si potranno incentivare e diffondere buone pratiche di gestione. Il progetto è stato illustrato dal presidente dell’Osservatorio Nazionale della Pesca, l’armatore barese Emanuele Sciacovelli, in un incontro svoltosi a Bisceglie alla presenza di autorità e addetti al settore coinvolti.

E’ intervenuto anche l’assessore pugliese al ramo Nardoni che ha sottolineato l’importanza del settore pesca per la nostra economia illustrando alcuni dei suoi obiettivi: la presentazione nei prossimi giorni in consiglio regionale della nuova legge sulla pesca turismo, un altro provvedimento dedicato alla biodiversità, la ristrutturazione dell’ufficio pesca, una spinta per far lavorare i Gac (Gruppi di Azione Costiera e il distretto della pesca, la richiesta al neo ministro Martina di istituire un coordinamento fra le regioni sul comparto come esiste per l’agricoltura. Il progetto qualità totale pesca Puglia si snoderà su quattro tematiche. La sostenibilità ambientale, sociale ed economica della filiera pesca. Il risparmio energetico, risparmio gasolio ed efficienza energetica. La sicurezza sul lavoro e la sicurezza alimentare del prodotto.

Un capitolo a parte, invece, sarà riservato alla promozione del ruolo delle donne nella pesca per favorire l’innovazione e la crescita integrata del comparto. Tutte le notizie e gli aggiornamenti sulle diverse fasi del progetto si possono trovare su una sezione dedicata del sito internet dell’Osservatorio Nazionale della Pesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche