Cronaca

Maxi evasione, nei guai costruttore

MARTINA – Ha evaso il fisco per oltre un milione di euro. Un imprenditore edile è stato denunciato a piede libero dalla Guardia di Finanza che, in questo periodo di crisi economica, ha intensificato i controlli per scovare gli evasori. Sono stati i militari della locale Compagnia ad eseguire una verifica fiscale nei confronti di una impresa che opera nel settore delle costruzioni e delle ristrutturazioni e che ha sede nella cittadina della Valle d’Itria.

Durante un accurato accertamento hanno scoperto che l’impresa, nel periodo compreso tra dal 2008 al 2010, ha omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi, ha sottratto a tassazione, ai fini delle imposte dirette e dell’Irap, circa un milione di euro, evaso l’Iva per oltre 100mila euro, omesso versamenti di imposte per oltre 100mila euro e commesso irregolarità nella tenuta della contabilità. L’evasione scaturisce da prestazioni eseguite nei confronti di clienti o sottofatturate o non dichiarate. Gli investigatori delle Fiamme Fialle grazie a verifiche indirette e attraverso il coinvolgimento attivo di clienti, hanno potuto ricostruire l’effettivo volume d’affari dell’impresa che è risultata “evasore totale”. Il responsabile legale della società è stato denunciato all’autorità giudiziaria per occultamento o distruzione di scritture contabili. La Guardia di Finanza sta intensificando i controlli per scovare i “furbetti” che non pagano le tasse danneggiando l’economia. Le Fiamme Gialle, grazie al decreto Salva Italia avranno a disposizione nuovi strumenti per contrastare, in maniera prioritaria, un fenomeno che ha suscitato allarme sociale. Le Fiamme Gialle in azione anche accertare le evasioni fiscali dei commercianti che non rilasciano lo scontrino o le ricevute. I controlli che proseguono tappeto a Taranto e provincia negli ultimi mesi hanno confermato che un commerciante su tre non rilascerebbe lo scontrino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche