Cronaca

Terrore in casa per quaranta euro


TARANTO – Alba di terrore in casa di un’anziana. Erano le 5 di ieri quando in due, passamontagna calato sul volto, hanno forzato la porta d’ingresso e sono penetrati all’interno dell’abitazione di una nonnina 91enne. La donna è stata minacciata ed insultata, quindi i due banditi hanno messo a soqquadro l’appartamento, con l’obiettivo di rubare tutto ciò che potevano. I due hanno arraffato il poco denaro che era in casa, circa quaranta euro, oltre a qualche oggetto d’oro. Al termine del raid, i due malviventi si sono dileguati a piedi, quando il sole era sorto da poco, facendo quindi perdere immediatamente le proprie tracce.

Indagini sono in corso da parte dei carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Operativo di Manduria. Il drammatico assalto di ieri è avvenuto a pochi giorni di distanza da un altro raid dei banditi, sempre a Sava, e sempre a danno di una donna che non poteva difendersi: una disabile che ha raccontato ai militari di essere stata legata ad una sedia e rapinata. Da parte degli investigatori viene valutata l’ipotesi di un collegamento tra i due episodi, che potrebbero essere stati messi a segno dalle stesse persone. Una coppia senza scrupoli, capace di scegliere le sue vittime in chi è più indifeso ed esposto al rischio di cadere preda di rapinatori feroci. Nel piccolo paese della provincia ionica, quindi, sale il livello d’allarme per le due rapine avvenute a distanza ravvicinata, e sono giorni di fuoco per i carabinieri impegnati in una ricerca che è anche contro il tempo, dato che si teme una possibile ‘replica’ da parte dei banditi. I militari stanno setacciando il territorio, allargando il campo d’indagine anche alle province leccesi e brindisine, da dove potrebbero essere arrivati i ladri. In questo senso, gli inquirenti si stanno confrontando con i loro omologhi di Brindisi e Lecce. Perchè non si può assiolutamente lasciare che i due pericolosissimi banditi rimangano a piede libero, con il rischio che possano colpire ancora. Terrorizzando chi è più debole, ed ha quindi bisogno di maggiore protezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche