24 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2020 alle 07:06:06

Cronaca

Gli interrogatori, “Giro di usura? Non so nulla”

Dinanzi al gip molti scelgono di avvalersi della facoltà di non rispondere ma c’è anche chi respinge le accuse


Alcuni hanno fatto scena muta, altri hanno respinto gli addebiti. Sono entrati nel vivo, stamattina, gli interrogatori per il blitz antiusura della Finanza “Time Waster”.

Tra le persone interrogate dal gip c’è il sessantunenne Cosimo De Leonardo, difeso dagli avvocati Gaetano Vitale e Matteo Giaccari. L’uomo, che è agli arresti domiciliari, ha riferito al giudice di non conoscere le vittime.

Sulla stesa scia il 45enne Giancarlo Attolino, assistito dall’avvocato Fausto Soggia, che ieri mattina aveva riferito al giudice di essere estraneo ala vicenda. Stamattina sono stati ascoltati anche il medico Giacinto Di Febo e il bancario Ernesto De Maddis, difesi dagli avvocati Nicola Marseglia e Egidio Albanese. Il sessantaduenne Giovanni De Florio, che è agli arresti domiciliari ed è difeso dall’avvocato Maria Letizia Serra, invece si è avvalso della facoltà di non rispondere. Stessa scelta di altri indagati ascoltati dal gip.  Domani gli interrogatori degli altri arrestati. Nel collegio di difesa anche gli avvocati Salvatore Maggio, Antonio Raffo, Adriano Minetola, Marino Galeandro  e Luca Marfella.

Gli arrestati nel blitz sono Giuseppina Albano di 35 anni (domiciliari), Vincenzo Albano di 61 anni, Giancarlo Attolino di 45 anni, Ernesto Bonfrate di 48 anni, Raffaele Caforio di 53 anni, Antonio Conte di 55 anni, Giovanni De Florio di 62 anni (domiciliari), Pasquale De Leonardo di 41 anni, Giacinto Di Febo di 67 anni (domiciliari) , Cosimo De Leonardo di 61 anni, Ernesto De Maddis di 62 anni (domiciliari), Luca Fago di 36 anni, Maria Fago di 36 anni, Emanuele Gigante di 50 anni, Marta Marino di 53 anni,  Natale Novellino di 57 anni, Cristiano Ottomano di 43 anni, Ciro Palmieri di 49 anni,  Giovanni Santese di 56 anni, Rosa Scialpi di 50 anni, Cosimo Tenna di 41 anni.

Ernesto Bonfrate, che è ritenuto l’elemento di spicco del gruppo, di solito consegnava i soldi nella sua abitazione.

Li prelevava da una valigetta piena di banconote di vario taglio. Le indagini sono iniziate nel gennaio del 2011 e tra le vittime figurano un noto impresario dello spettacolo e un consulente del lavoro. La  Finanza ora è a caccia di altre vittime eccellenti. Con l’operazione “Time Waster” le Fiamme gialle hanno scoperto un giro di usura di tre milioni e mezzo di euro, con interessi fino al 270%. In azione i militari diretti dal tenente colonnello Giuseppe Micelli e coordinati dal pm Giovanna Cannarile. Hanno eseguito ventuno ordinanze di custodia cautelare (diciassette in carcere e quattro ai domiciliari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche