06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca

Scipparono un’anziana. Quattro minori in manette

Il fatto risale al 2 ottobre scorso quando una settantenne venne aggredita in una delle strade del centro storico


MARTINA FRANCA – Incastrati dai video delle telecamere quattro minorenni accusati di scippo ai danni di un’anziana.
Il fatto risale al 2 ottobre scorso quando una settantenne venne aggredita in una delle strade del centro storico.
Alla donna furono sottratti la borsa con all’interno documenti, denaro e cellulare. Questa mattina, i carabinieri della Stazione di Martina Franca, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale per i minorenni, dott.ssa Paola Ferrara, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, d.ssa Rosalba Lopalco. L’ordinanza di custodia cautelare è il frutto di una lunga indagine condotta dai militari che hanno cercato di ricostruite i fatti anche attraverso il supporto delle telecamere dei negozi situati lungo la strada dove avvenne lo scippo. Dalle immagini si capiva che quattro giovani prima dello scippo si aggiravano e si appostavano in quelle vie limitrofe al luogo dove, da lì a poco, si sarebbe verificato l’episodio. La minuziosa ricostruzione fatta di sequenze visive e corrispondenze di orario hanno dato la certezza che quei ragazzi fossero gli unici presenti in quella zona. Il riscontro operativo, è stato quello dell’immagine che immortala i giovani in fuga, subito dopo lo scippo. I quattro, tutti martinesi, sono stati tratti in arresto. Per due di loro, un 15enne ed un 17enne incensurati, è stata disposta la misura della permanenza in casa, mentre gli altri due, un 15enne ed un 17enne con precedenti, sono stati accompagnati in due comunità. Di fronte al competente giudice dovranno rispondere di concorso in furto con strappo. Intanto stamattina il sindaco Franco Ancona si è recato dal prefetto a seguito dell’escalation di furti e rapine registrate in pochi giorni per sollecitare azioni mirate a garantire la sicurezza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche