19 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 22:47:00

Cronaca

Cdc, le priorità del tavolo per la mobilità

TARANTO – “Rivendicheremo il ruolo centrale che le istituzioni locali della nostra provincia dovranno necessariamente avere nei processi decisori che riguardano Taranto e i tarantini. E qui che dovremo decidere il nostro futuro ed essere in grado di sostenerlo in tutte le sedi deputate senza condizionamenti, senza tentennamenti e senza mezzi termini sino al suo raggiungimento”. Le parole di Luigi Sportelli risuonano come un avvertimento: per Taranto devono decidere i tarantini. Da questo assunto ha preso le mosse il “Tavolo della mobilità” che si è insediato stamattina alla Camera di Commercio di Taranto.

Presenti, oltre al presidente della Cdc, i massimi vertici di Comune e Provincia, i parlamentari tarantini, i consiglieri regionali espressione del territorio, l’Autorità Portuale, i rappresentanti dei comuni di Grottaglie, Monteiasi e Carosino, del Distretto della Logistica e dei sindacati. “Il tema della mobilità è certamente tra quelli più sentiti del momento – ha spiegato Sportelli. Questo, oltre al ritardo che registriamo sul tema dell’infrastrutturazione del nostro territorio e alla gestione a volte poco organica e disorientata delle vertenze che riguardano il settore, ha spinto la Cdc, nella sua qualità di rappresentante istituzionale del mondo economico e imprenditoriale tarantino, a volere fortemente la realizzazione di questa prima “convention generale””. Sportelli ha lanciato un appello ai presenti: “Mi piacerebbe inaugurare una nuova stagione di fattiva e reale collaborazione interistituzionale per far sì che a battersi per il destino di questa provincia e a vincere non sia il singolo ma l’intera collettività”. All’orizzonte la seduta della Commissione trasporti della Regione (mercoledì 25, ndr) chiamata a visionare e condividere la nuova proposta di rilancio dell’aeroporto Arlotta di Grottaglie e, il giorno successivo, al Ministero dello Sviluppo Economico, la riunione nel corso della quale si discuterà del commissario straordinario per il Porto. “In questo tavolo – ha detto Sportelli – dovranno trovare cittadinanza e visibilità le corrette esigenze trasportalistiche e le legittime aspettative di mobilità e sviluppo della nostra collettività nella logica di un rapporto integrato tra le varie componenti che formano l’intermodalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche