11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 15:46:20

Cronaca

Truffa all’Inps da 10 milioni di euro. Coinvolti 831 falsi braccianti agricoli

Maxi inchiesta della procura di Bari nei territori anche della Bat, di Brindisi, Taranto e Matera


I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari al termine di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari e svolte anche con la collaborazione degli ispettori della direzione provinciale pugliese dell’Inps, hanno scoperto una mega truffa per un danno complessivo alle casse dello Stato di oltre 10 milioni di euro.

Centinaia di controlli svolti nelle Province di Bari e Bat hanno permesso di accertare che numerose società operanti nel settore agricolo avevano fittiziamente assunto un totale di 831 braccianti, attraverso false attestazioni di posizioni lavorative inesistenti inducendo in errore l’Inps che ha provveduto, nei vari anni, ad erogare prestazioni assistenziali non dovute, quali la disoccupazione, la malattia, la maternità e gli assegni familiari, producendo un danno milionario all’Erario.

Per un centinaio di loro è scattata anche l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alle truffe ai danni dello Stato. Si tratta, oltre che di singoli braccianti agricoli, di mediatori, imprenditori del settore agricolo e commercialisti che, a vario titolo, avevano messo in piedi il meccanismo di truffa che ha interessato, oltre la provincia di Bari e Bat, ma anche il sud foggiano e le province di Brindisi, Taranto e Matera.

Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso il Comando Provinciale di Bari nel corso della mattinata alla presenza del Comandante Provinciale, Col. Rosario Castello e del Direttore Provinciale dell’Inps, Francesco Miscioscia.

Tutti i particolari nell'edizione odierna del quotidiano Taranto Buonasera in distribuzione a partire dalle 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche