Cronaca

Soldi falsi da rifilare ai commercianti del centro

Un 30enne nascondeva in casa banconote “taroccate”. Una da 20 euro era nel portafogli pronta per essere sbolognata


Nel portafogli aveva una banconota “taroccata” da 20 euro, pronta per essere sbolognata a qualche ignaro commerciante. In casa ne aveva altre, ben nascoste in un comodino.

Angelo Sangermano, tarantino trentenne già noto alle forze dell’ordine, nella serata di ieri i è finito nella trappola tesa dai carabinieri della Stazione Taranto Principale.

I militari dell’Arma hanno perquisito la sua abitazione situata nel centro cittadino.

Sapevano di andare a colpo sicuro e infatti hanno trovato quello che cercavano: banconote false delle quali l’uomo non ha saputo indicare la provenienza. I carabinieri appena dopo l’irruzione nell’appartamento hanno rinvenuto all’interno del cassetto del comodino della camera da letto alcune banconote false da 20 euro.

Sangermano in un primo momento ha tentato di far credere agli investigatori che era rimasto vittima di raggiro, ma, messo alle strette, ha ammesso tutto. Ha subito consegnato un’altra banconota da 20 euro, abilmente contraffatta, che aveva nel portafogli. Con tutta probabilità era pronto a spacciarla, danneggiando così ignari negozianti.

I militari dopo la  perquisizione e il sequestro dei soldi falsi hanno condotto Angelo Sangermano in caserma per le formalità di rito.
Il giovane è  stato dichiarato in arresto e sottoposto ai “domiciliari” a disposizione del magistrato di turno, dott. Lanfranco Marazia.
I carabinieri stanno eseguendo mirato controlli in tutta la città dopo che in più occasioni è stato segnalato lo spaccio di banconote false da 20 euro.

Sono in corso anche accertamenti per scoprire la provenienza dei soldi falsi e non è escluso che facciano parte di uno stock proveniente dal napoletano dove proprio nei giorni scorsi le forze dell’ordine  hanno  scoperto una stamperia clandestina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche