Cronaca

Schianto sulla via del lavoro: tre feriti. Uno è grave

Scontro tra un camion e una macchina. Il conducente del mezzo pesante denunciato dalla Polstrada per guida in stato di ebbrezza


Schianto sulla via del lavoro: in gravi condizioni un operatore del mercato ortofrutticolo. Dopo l’una e trenta della scorsa notte scontro, sulla statale 106, tra la motrice di un camion condotta da un autista veneto e una Opel Corsa a bordo della quale viaggiano tre tarantini che lavorano al mercato all’ingrosso.

Ad avere la peggio il conducente della macchina, un quarantenne tarantino che, nel tremendo impatto, ha riportato lesioni gravi ed è stato ricoverato all’ospedale “Ss. Annunziata “ con riserva di prognosi.

In ospedale è stato condotto anche il camionista il quale è stato sottoposto all’alcoltest che è risultato positivo. La polizia stradale del distaccamento di Manduria  che è intervenuta sul posto per i rilievi lo ha segnalato all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza.

Sulla 106 la scorsa notte sono interventi  anche i soccorritori del 118 e i vigili del fuoco del comando provinciale. Intanto gli agenti della Polizia stradale hanno eseguito una prima ricostruzione della dinamica dell’incidente.

Il camionista veneto dopo aver cenato con  alcuni colleghi si era messo alla guida del mezzo pesante ed aveva ripreso il viaggio  a una volta giunto in prossimità di un distributore di benzina che è situato sula 106 si è accorto di aver sbagliato strada.

Ha subito eseguito una manovra di inversione di marcia utilizzando l’area di servizio ma non ha dato precedenza ai mezzi che stavano percorendo quel tratto della 106  e la motrice ha investito in pieno una Opel con a bordo tre operatori del mercato ortofrutticolo che stava sopraggiungendo proprio in quel momento.  Nell’impatto a riportare la peggio il conducente della macchina.

Alla stessa ora un altro incidente stradale si è verificato nel territorio di Ginosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche