22 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 22 Gennaio 2022 alle 09:50:00

Cronaca

Con lo smartphone assiste al furto nel suo deposito, 2 arresti

L'impianto di sorveglianza era collegato al cellulare. Chiama i carabinieri che recuperano refurtiva per 20mila euro


Intorno alle 4 del mattino di ieri l’operatore della Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Martina Franca ha ricevuto una chiamata da una cittadina di Monteiasi, che segnalava che in un magazzino di sua proprietà, all’interno del quale vengono custoditi attrezzi per l’edilizia e componenti per idraulica, alcuni malviventi stavano mettendo in atto un furto.

La donna ha anche precisato che il sito è provvisto di impianto di video sorveglianza e che stava vedendo in diretta sul suo smartphone le immagini del furto.

A questo punto scatta l'operazione da parte di una pattuglia della Stazione Carabinieri di San Giorgio Jonico che ha fatto irruzione all’interno bloccando due dei tre malviventi intenti ad asportare pompe idrauliche, trapani e materiale da cantiere.

Il terzo complice, invece, è riuscito a fuggire allontanandosi per le campagne circostanti.

Durante il sopralluogo, i militari hanno anche accertato che i malviventi avevano già accantonato, nei pressi del portone di uscita, pronta per essere caricata su un mezzo di trasporto tutta l’attrezzatura da rubare. Il materiale, di valore pari ad euro ventimila euro circa è stato restituito alla legittima proprietaria.

Sono in corso le indagini per identificare il terzo complice riuscito a fuggire. Al termine della formalità di rito,su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati arrestati e posti ai domiciliari Pietro Russo, 28 enne e Antonio Urbano, 41 enne, entrambi di Sava. I due dovranno rispondere di concorso in furto aggravato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche