Cronaca

Maxi-operazione di controllo, 5 arresti e numerose denunce

Utilizzate 40 gazzelle dei carabinieri in tutta l'area jonica


Una complessa operazione di controllo del territorio è stata portata a termine dai Carabinieri della Compagnia di Martina Franca.

L’operazione ha interessato i comuni di Martina Franca, Grottaglie, Montemesola, San Giorgio Jonico, Carosino, Roccaforzata e Monteparano ed è stata finalizzata alla prevenzione dei reati di natura predatoria, quali i furti in abitazione e le rapine in danno di esercizi commerciali, nonché al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono state impiegate, nell’arco di cinque giorni, complessivamente, 40 gazzelle e 4 pattuglie in auto “civetta”, in forza al Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, alle Stazione di Martina Franca, Grottaglie, Montemesola  e San Giorgio Jonico. 

Il dispositivo prevedeva, ogni giorno, il concentramento di gran parte degli uomini nel territorio di una Stazione della Compagnia.

Numerosissimi sono stati i posti di controllo effettuati, sia sulle strade ove sono maggiormente presenti le attività commerciali, che sulle vie di accesso ai centri abitati, durante i quali sono stati controllati oltre 100 veicoli ed eseguite 12 perquisizioni personali e veicolari.

Sono stati controllate inoltre tutte le persone sottoposte a restrizioni della libertà personale (arrestati domiciliari e sorvegliati speciali, affidati in prova ai servizi sociali ecc), al fine di verificare che fossero presenti all’interno delle proprie abitazioni e, più in generale, il rispetto delle prescrizioni cui sono sottoposti.

Questo il bilancio:

Sono stati arrestati, a seguito di notifica di ordine di carcerazione con contestuale decreto di sospensione: 

► M.A., di Grottaglie di anni 38, che deve scontare 8 mesi di reclusione, perché riconosciuto colpevole dei reati di lesioni personali aggravate;

► M.E., di anni 48, di Monteiasi, che deve scontare 3 mesi di reclusione, perché riconosciuto colpevole del reato di tentato furto in abitazione;

► M.G., di anni 45, di Grottaglie, che deve scontare 1 anno ed 1 mese di reclusione poiché riconosciuto colpevole dei reati di resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale;

► S.D., 50/enne di Montemesola, che deve scontare 6 mesi reclusione poiché responsabile reati di sottrazione e danneggiamento di cose sottoposte a sequestro;

► G.A. di 53 anni di Taranto, che deve espiare 8 mesi di reclusione poiché resasi responsabile di truffa aggravata.

Numerose, infine, le denunce in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche