14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

Cronaca

Malcore,un video per incastrare il complice


TARANTO – Un video potrebbe essere fondamentale per incastrare il secondo uomo della rapina sfociata nell’omicidio del vigilante Francesco Malcore. C’è, comunque, stretto riserbo degli investigatori dell’Arma, sulle indagini che proseguono a tamburo battente per identificare il complice di Cosimo Taglio. I carabinieri potrebbero dare un nome e un volto al secondo rapinatore grazie ad una delle immagini catturate dai sistemi di videosorveglianza di esercizi commerciali situati nei pressi della Unicredit di via Orsini.

E’ al vaglio degli investigatori l’ipotesi che Francesco Colace, il quarantenne fermato la stessa sera insieme a Cosimo Taglio, perchè ritenuto responsabile di un altro colpo messo a segno a Martina Franca, possa aver partecipato alla sanguinosa rapina del 19 dicembre. Al momento Colace, anch’egli residente nel quartiere Paolo VI, risponde solo del raid nella sala giochi della cittadina della valle d’Itria che ha fruttato un bottino di 10mila euro.Le indagini condotte dai carabinieri del pool investigativo costituito all’indomani della cruenta rapina ha permesso di raccogliere importanti elementi per risolvere in soli quaranta giorni, un caso sul quale sono puntati gli occhi di una città intera. L’ennesima perquisizione domiciliare ha fatto si che le attenzioni si concentrassero su Cosimo Taglio, il quale, incalzato dagli inquirenti, dopo aver mostrato i primi segni di cedimento, ha confessato di aver fatto fuoco contro Malcore perché impaurito dalla sua reazione. L’uomo ha confessato ai militari dell’Arma di essersi liberato da un rimorso di coscienza che lo attanagliava da quel 19 dicembre. Stretto dall’angoscia e pressato dai risultati dell’indagine, la confessione è stata l’epilogo obbligato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche