Cronaca

“Pizzicati” con l’oro rosso, in 2 finiscono ai domiciliari

Ancora un tentativo di furto di rame bloccato dai carabinieri


AVETRANA – Stop ai furti, continua “l’azione preventiva” attuata dalla Compagnia Carabinieri di Manduria, contro i colpi in danno dei privati e delle struttura pubbliche. Questa volta ad operare sono stati i militari della Stazione di Avetrana. Durante una perlustrazione, infatti, i Carabinieri hanno notato che un’auto con a bordo Giovanni Alfarano, 43 anni, e Mario Conte, 21 anni, entrambi di Avetrana e con precedenti, alla loro vista, ha posto in essere alcune manovre finalizzare ad evitare un eventuale controllo, accennando anche ad una breve fuga.

Dopo aver bloccato e perquisito mezzo ed occupanti, i militari rinvenivano nel portabagagli circa 300 metri di cavo precordato di proprietà dell’Enel, ed alcuni oggetti utili per i furti. Alfarano inoltre, deteneva un cellulare risultato rubato.

La refurtiva è stata pertanto sequestrata, mentre Alfarano e Conte, con l’accusa di ricettazione, sono stati denunciati in stato d’arresto all’autorità giudiziaria del capoluogo, che ne ha disposto gli arresti domiciliari.

Il fenomeno dei furti e della ricettazione di componenti metalliche o altro materiale sottratto ad infrastrutture destinate all’erogazione di energia pubblica, è stato oggetto di recente inasprimento della norma penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche