04 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 16:57:00

Cronaca

Abbigliamento, ora spuntano le boutique dell’usato

Giusy prende in conto vendita abiti, borse e scarpe griffate e li rivende a prezzi bassi sfruttando il momento di difficoltà


L’abbigliamento è in crisi? Giusy si reinventa per dare sostegno al settore ed a chi è in difficoltà. Ecco che nasce anche nella provincia ionica la boutique dell’usato.

“Mi sono vestita anch’io spesso con abbigliamento usato e molte gente apprezzava i miei gusti. Quindi l’idea è nata da qui”. Ha aperto il suo negozio a San Giorgio dove vive e dove offre prodotti a partire da cinque euro. Nuovo ed usato.

“Prodotti innanzitutto griffati e non taroccati” tiene a sottolineare “perchè anche se usato il prodotto deve essere di qualità”. Un esempio: una borsa di Luis Vitton da oltre mille euro, nel suo piccolo atelier è in vendita a poco più di duecento euro.

Come ottiene la merce?
“Qui viene chi ha ricevuto un regalo che non è di gradimento, oppure chi non utilizza più quel capo o quella borsa oppure il paio di scarpe”.

Un modo, dunque, per andare incontro a chi, pur volendo sfoggiare la griffe, ora con la crisi, non può più farlo o ancora chi dalla griffe vuole trarne un profitto e quindi pensa di vendere quello che resta abbandonato nell’armadio.

Prende la merce in conto vendita.
“La gente mi lascia in negozio il capo di abbigliamento o di pelletteria e quando riesco a venderlo dividiamo il ricavato”.

E’ un’attività che regge alla crisi?
“Io, me la cavo anche perchè non pago il fitto del locale che è di mia proprietà e, comunque, ho aperto questa attività nel settembre del 2012 e quindi in piena crisi, ed ho più clientela di quanto avrei mai potuto immaginare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche