21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 06:00:01

Cronaca

Guerra ai circoli abusivi ai Tamburi e a Paolo VI


TARANTO – Circoli ricreativi al setaccio tra i rioni Tamburi e Paolo VI. I carabinieri del Nas e della Compagnia di Taranto hanno posto i sigilli a ben sette circoli ricreativi abusivi. Sei sotto sequestro nel quartiere Tamburi e uno a Paolo VI. Il gestore di quest’ultima sala giochi è stato denunciato all’autorità giudiziaria in quanto ha violato per due volte l’ordinanza di chiusura del locale. I controlli del Nucleo antisofisticazione e sanità e dei loro colleghi del Comando provinciale in questi giorni stanno eseguendo controlli nei circoli ricreativi nell’ambito delle indagini per l’omicidio della guardia giurata Francesco Malcore.

Dal 19 dicembre i militari dell’Arma stanno controllando in maniera capillare le sale giochi abusive sanzionando i gestori per violazione delle norme a tutela della salute pubblica. I sigilli sono scattati poiché i circoli erano privi di ogni autorizzazione di polizia, per mancanza di licenza di somministrazione di alimenti e bevande, per mancanza di autorizzazione sanitaria .In sei dei sette circoli posti sotto sequestri si vendevano bevande alcooliche e venivano utilizzate le cosiddette macchinette “mangiasoldi”. Nelle ultime settimane le forze dell’ordine hanno eseguito un giro di vite proprio nei confronti dei circoli ricreativi che in alcuni casi diventano delle vere e proprie “bische”, a caccia di elementi utili per chiudere definitivamente il cerchio attorno agli autori della rapina sfociata nell’omicidio del vigilante. I carabinieri, infatti, stanno ancora lavorando per incastrare il secondo uomo e per metter le mani sulla pistola 9 con la quale stato freddato Malcore davanti all’istituto di credito di via Orsini. Controlli a tappeto anche per contrastare ogni forma di iIlegalità, soprattutto per combattere lo spaccio e il consumo di droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche