L’addio della Puglia a Mennitti, il Sindaco della svolta | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 08:45:00

Cronaca

L’addio della Puglia a Mennitti, il Sindaco della svolta

Oggi i funerali dell’ex sindaco di Brindisi. Tra i fondatori di Forza Italia ha militato a lungo nel Msi


BRINDISI – Dopo una lunga malattia che nel 2011 lo costrinse alle dimissioni da Sindaco, è morto Domenico Mennitti. Tra i fondatori di Forza Italia, aveva militato a lungo nel Movimento Sociale Italiano, con cui era stato eletto deputato per la prima volta nel 1979. L’ex primo cittadino della città adriatica è rimasto in parlamento fino al 1991. Poi, nel 2004, è stato eletto sindaco. Rieletto per un secondo mandato, ha accolto, nel giugno 2008, Benedetto XVI, il primo papa in visita a Brindisi.

Nel giorno dell’ultimo saluto al “sindaco della svolta”, tanti i messaggi di cordoglio dal mondo politico pugliese e non solo.

Claudio Signorile, leader socialista: “Abbiamo vissuto da sponde diverse un percorso politico di fine secolo e primi anni 2000; Mimmo è stato uomo di grande fierezza politica e di forti radici culturali. Il suo essere di destra non era una scelta di schieramento ma una traduzione in politica di valori forti nei quali credeva. E’ stato uomo politico che ha lasciato il segno; ma è stato anche un grande sindaco che ha amato la sua città e contribuito a renderla più bella, accogliente e con qualche speranza in più”.

Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia: “La scomparsa di Mimmo Mennitti è una notizia che ci riempie di tristezza e di commozione. Abbiamo imparato a conoscerlo come un intellettuale vero, raffinato e curioso. Lo abbiamo apprezzato come politico coerente e di grande rigore morale. E’ stato un sindaco davvero innamorato della sua città, Brindisi. E’ stato un uomo con la schiena dritta, eppure sempre mite e gentile nei modi. Per me è stato l’avversario da cui imparare, l’avversario che non diventa mai nemico. Rendiamo a Mimmo Mennitti il tributo che si deve alle persone buone e giuste”.

Dario Stefàno, presidente della Giunta Elezioni e Immunità parlamentari del Senato: “Partecipo con sincera commozione e profondo rammarico al dolore dei famigliari e al cordoglio della comunità di Brindisi per la scomparsa di Domenico Mennitti. Desidero ricordare il rapporto amichevole e di reciproca stima e rispetto, non frequente fra persone di diverso orientamento politico, che mi ha dato la opportunità di apprezzare le sue doti umane oltre che politiche ma anche di arricchire il mio impegno istituzionale di motivazioni ed impulsi culturali. Una persona per bene fortemente attaccata a Brindisi, città adottiva per la quale ha condotto battaglie storiche, superando con grande sensibilità culturale inutili  barriere di appartenenza politica, ed intrapreso progetti di valorizzazione urbana che porteranno indelebilmente il suo nome per sempre”.

Adriana Poli Bortone, leader Io Sud: “Con Domenico Mennitti scompare il meglio dell’intelligenza e della cultura di destra che lui ha rappresentato per anni in Parlamento e fuori con l’onestà a la lucidità del suo pensiero e della sua azione politica. In uno snodo così difficile della politica la scomparsa di Mennitti è una grande perdita per la destra italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche