29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Novembre 2020 alle 11:46:35

Cronaca

Droga e ricettazione, tarantino arrestato a Pescara

Tra le accuse contestate, anche quella di insolvenza fraudolenta


Droga, ricettazione e insolvenza fraudolenta. Con queste accuse è finito in carcere, ad opera dei carabinieri di Montesilvano (Pescara) il tarantino Danilo Latanza, 36 anni, il quale dovrà scontare 6 anni e 9 mesi di reclusione.

L’arresto di Latanza (che si era trasferito da Taranto nella cittadina balneare adriatica,)  è avvenuto nell’ambito di una più articolata operazione condotta dai militari dell’Arma sotto il coordinamento del capitano Enzo Marinelli. Latanza  ha commesso i reati per i quali è stato condannato fra Montesilvano, Pescara e Taranto.

Nel dettaglio, rispetto alla carcerazione già effettuata, Latanza dovrà scontare, per i reati commessi fra il 2005 e il 2008, sei anni, nove mesi e 25 giorni di reclusione, nonchè un mese di arresto.

Intanto quattro arresti sono stati eseguiti dai carabinieri nell’ambito dei  servizi di controllo del territorio disposti negli ultimi giorni dalla Compagnia i di Taranto e finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati predatori, quelli concernenti le sostanze stupefacenti e le condotte di guida pericolose per gli utenti della strada.

Il Nucleo Operativo Radiomobile e le Stazioni di Taranto Principale, Taranto Centro, Taranto Nord, Taranto Salinella, Talsano e Leporano, nel corso dell’attività, in esecuzione di ordine di carcerazione, hanno arrestato  N.A., 38enne, condannato a due anni, nove mesi e ventisette giorni di reclusione per furto aggravato; D.R.C., 42enne, condannato a dieci mesi di reclusione per furto aggravato; D.P., 49enne, condannato ad un anno, sei mesi e ventidue giorni di reclusione per furto ed evasione; D.P.A., 62enne, condannato a un anno e sette mesi di reclusione per lesioni personali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche