22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 15:58:24

Cronaca

Gare, rivoluzione già finita. Ora tocca alle Confraternite

Dopo un anno di ‘riforma’, la tradizione viene ripristinata: le assemblee tornano a tenersi nella Domenica delle Palme


Alle 18,30 nella chiesa di San Domenico per la confraternita dell’Addolorata. Alle 20,30 nel salone dell’amministrazione provinciale per la congrega del Carmine. Ripristinata la tradizione, dopo la breve parentesi dello scorso anno, domani, giorno delle Palme, i confratelli si riuniscono per le gare.

Tecnicamente si parla di assemblea straordinaria per l’assegnazione delle statue, delle poste e dei simboli della Passione, riservata ai soli confratelli. E’ il primo step che porta verso la Settimana Santa, verso le processioni del Giovedì (Addolorata) e del Venerdì Santo (i Misteri). Un appuntamento importante, come ha dimostrato la levata di scudi, l’anno scorso, per la riforma che ha spostato – anche se solo per l’edizione 2013 dei Riti – le tanto dibattute gare, anticipandole di una settimana, e relegandole al sabato.

Quest’anno il dietrofront: tutto torna come prima. O quasi. Una delle novità è che la gara dell’Addolorata si terrà, dopo 34 anni, nella chiesa di San Domenico, in città vecchia. Quest’anno alle processioni parteciperanno anche alcuni confratelli in maniera gratuita.

Quella di garantire ‘con discrezione la partecipazione di confratelli meno abbienti’ è una delle indicazioni dell’arcivescovo, contenute nella relazione con la quale, a novembre, si è concluso il lavoro della commissione sui Riti. Le due confraternite tarantine si sono organizzate per assicurare la partecipazione di poste di perdoni che, mantenendo l’anonimato, prenderanno parte ai Riti in forma gratuita.

L’altra indicazione è quella sull’orario: “per salvaguardare le celebrazioni liturgiche la raccolta delle offerte avvenga dopo la celebrazione della messa vespertina o dopo il canto dei secondi Vespri della Domenica delle Palme” ha deciso, dopo le consultazioni, monsignor Santoro che ha anche indicato come obiettivo di carità la realizzazione di un centro di accoglienza notturno per i senza fissa dimora. Parte delle offerte sarà destinata alla causa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche