Cronaca

“Riapriamo Palazzo Troilo”. L’appello delle associazioni

"Uno degli innumerevoli beni architettonici di pubblica proprietà in stato d’abbandono"


“Riapriamo Palazzo Troilo”. E’ l’appello lanciato da un gruppo di associazioni (Le belle città, Le sciaje e La bottega ExperimentArt) per Palazzo Troilo “uno degli innumerevoli beni architettonici di pubblica proprietà in stato d’abbandono. Posto in piazza Duomo – accanto alla cattedrale di San Cataldo e di fronte al convento di Santa Chiara – il Troilo, risalente ai secoli XVIII – XIX, è un tesoro abbandonato da tempo immemore".

"Le generazioni di sindaci e amministratori pubblici – proseguono -, succedutesi nel corso degli ultimi venticinque anni, non hanno prodotto alcun risultato: palazzo Troilo giace in stato d’incuria e richiede le cure necessarie per essere salvato e riportato a vita nuova. Si tratta di uno dei gioielli incastonati nell’Isola. E’ composto da una pluralità di piani, sotterranei ed ambienti interni, che potrebbero soddisfare il bisogno di cultura, socialità e qualità della vita, per il quartiere e la città. Il Palazzo è, come si evince ad occhio nudo, vuoto al suo interno ed è in condizioni d’inagibilità. Ad intervalli di tempo si susseguono verifiche e sopralluoghi tecnici, accompagnate delle migliori intenzioni: ciononostante, ad oggi, nulla è stato fatto”.

Quindi la richiesta mirata a “stipulare un protocollo d’intesa tra il Comune e le associazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche