Cronaca

Chi non vuole le assunzioni alla Asl Taranto?

Ancora fuori dal processo i duecento lavoratori di Cascina e Chemipul


Chi non vuole l’internalizzazione degli oltre 200 lavoratori di Cascina e Chemipul nella Sanità Service della Asl Taranto? a chiederselo è la Fp Cgil di Taranto, attraverso il suo segretario, Mino Bellanova.

“Sono trascorsi oltre 3 mesi dalla emanazione delle Linee Guida regionali sulle Sanità Service di Puglia e sembra che tutto resti fermo. Attendiamo di ricevere la delibera della Asl Taranto con cui viene modificato lo Statuto della Sanità Service come previsto dalle linee guida (60 giorni dalla pubblicazione sul Bur Puglia); attendiamo una nuova convocazione dal Direttore Amministrativo della Asl per verificare lo stato di avanzamento del cosiddetto “Business Plan”, lo strumento richiesto dalle Linee Guida Regionali con cui dimostrare la convenienza ad internalizzare”.

La Fp Cgil Taranto ricorda di aver ripetutamente chiesto di dare ordine alla gestione dell’attuale Sanità Service a partire dalla nomina dell’Amministratore Unico, una figura esterna ai dipendenti Asl, per dare finalmente autonomia alla Società: “Abbiamo ripetutamente chiesto di dare giusta collocazione ai lavoratori con limitazioni di salute per evitare di esporre la Società ad un inevitabile intervento dell’Ispettorato del lavoro, ma vige l’inerzia. Riceviamo quindi segnali negativi che mal sopportiamo”.

La Fp Cgil chiede pertanto al Direttore Generale di “assumere con urgenza decisioni inequivocabili rispettose delle Linee Guida Regionali e delle normative contrattuali”.

In assenza di urgente  riscontro il sindacato proclamerà lo stato di agitazione dei lavoratori interessati “dando vita a tutte le iniziative in sede locale e regionale utili a rivendicare il diritto dei lavoratori di Cascina e Chemipul alla internalizzazione nella Sanità Service della Asl Taranto”.

Intanto è stata convocata per le 16,30 del 24 aprile l’assemblea dei lavoratori presso la sala riunioni della Lega Spi Cgil “Salinella” di via Mar Grande 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche