16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca

Florido, come la gallina dalle uova d’oro


La Provincia di Taranto, anzi, il presidente Florido, come la gallina dalle uova d’oro: 132. 872 euro elargiti nel solo 2010 per feste, sagre, spettacoli di cabaret, coriandoli e trombette, ricchi premi e cotillon! Ma non aveva detto di non avere soldi? Non aveva giustificato i numerosi tagli di contributi anche ad enti meritevoli, come il Ferrajolo, tanto per fare un esempio, con il drastico ridimensionamento delle risorse a disposizione degli enti locali da parte del Governo? Ma la stessa Provincia che da un lato taglia, dall’altro elargisce contributi per centinaia di euro in favore di associazioni, fondazioni, consorzi, ed enti di ogni natura, laici o meno, meritevoli o no, da destra a sinistra e ritorno.

Come avrebbe potuto Gianni Florido non donare buoni famiglia (750 euro) per Natale ai più bisognosi? O non pagare (3.500 euro) all’Arcidiocesi di Taranto per il trasporto dei relatori ad un seminario? Quando si dice che “l’impresa non vale la spesa”. E così è stato anche per i soldi dati dal presidente al mondo dello sport: sorrisi e trasferte “regalate” agli “Amici del Cras 2008” (2.628 euro) o al Nova Yardinia di Castellaneta (5.000 euro per il pernottamento degli ospiti durante la Coppa Davis). E poi c’é la cultura… 6.300 euro solo per una rassegna cinematografica per studenti. Ma questi sono soltanto alcuni esempi. Ieri abbiamo pubblicato tutti i contributi che la Presidenza della Provincia ha finanziato nel 2010 (é quanto emerge dallo stesso sito internet della Provincia di Taranto nella sezione “operazione trasparenza”). Esaminando quanto sono costate sagre, feste e manifestazioni varie, viene spontaneo immaginare che altrettanti soldi siano stati spesi per altrettante nobili cause. E infatti, a Taranto e in provincia abbiamo strutture sanitarie perfette, ospedali con posti letto adeguati alle esigenze del territorio, trasporti che perfino la Svizzera ci invidia, strade come la Circummarpiccolo, che non sono mai state interrotte per lavori, se non per pochissime ore, per non parlare degli istituti scolastici, invidiati da Harvard. Allora, se ci sono state rare, rarissime, occasioni in cui la Provincia si é tirata indietro nell’elargire fondi, vogliamo credere che lo abbia fatto solo dopo essersi davvero sforzata di “raschiare il fondo del barile” per trovare le risorse. Si, si, é davvero credibile! Scherzi a parte, le perplessità sono ancora più gravi se si considera che il ridimensionamento delle risorse finanziarie per gli enti locali non é certo iniziato nel 2010, ma da vari anni a questa parte. Eppure, sorgono spontanee altre considerazioni; nel 2010 la Provincia non si é limitata ad elargire finanziamenti per manifestazioni culturali, cabarettistiche, sportive e religiose. Che dire, saranno state tutte di elevato spessore culturale! Non come le forze dell’ordine! Perché se non si può rinunciare a nessuna sagra o a nessuna degustazione di prodotti enogastronomici (1.600 euro per un sorso di primitivo alla Cantina Ruggieri di Lizzano), si possono avere delle preferenze ed erogare 5.200 euro per la Polizia di Stato e 2.500 euro (meno della metà) per i Carabinieri. Ma non si lamentino i militari dell’Arma, perché Marina, Guardia di Finanza, Forestale non hanno visto neanche un centesimo. Altro che i 10.000 euro che, tutti in una volta, ha ricevuto il Festival del Cabaret e Risollevante di Martina Franca! Che da solo ha avuto più di polizia e carabinieri messi insieme, come se per battere la criminalità bastasse una risata invece delle preziose forze dell’ordine. E così, aspettando di vedere pubblicate tutte le spese del 2011 (a proposito, che aspettate a renderle pubbliche?), non possiamo fermarci alle disparità di trattamento di Florido nei confronti delle forze dell’ordine. Perché il presidente della Provincia, nel 2010, ha pensato a tutti, anche alla Circoscrizione Tre Carrare Solito, che non solo è stata l’unica circoscrizione ad avere soldi, ma è anche l’unica non del centro sinistra, alla quale ha dato ben 6.200 euro per tre manifestazioni natalizie ed estive. Un altro slancio d’amore nei confronti del territorio e della trasversalità che varrà bene un posto al Senato. O no?

Serena Scarinci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche