26 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Gennaio 2021 alle 15:19:23

Cronaca

Bruciata l’auto di una casalinga

Altre due autovetture in fiamme a Taranto e Castellaneta. Alla base dei roghi, però, cause di natura accidentale


S. GIORGIO – Bruciata l’auto di una casalinga. E’ giallo a San Giorgio Jonico. Le fiamme che hanno avvolto una vecchia Fiat Panda che era parcheggiata in via Pellico, hanno poi raggiunto e danneggiato una Citroen C3 che era parcheggiata affianco.  Appena è stato dato l’allarme sul posto sono intervenutio i vigili del fuoco che hanno provveduto a domare il rogo e i carabinieri della locale stazione  che hanno avviato le indagini per identificare gli autori dell’atto intimidatorio.  Un episodio misterioso visto che la proprietaria è un casalinga e il marito un operaio.  Purtroppo sono in aumento gli incendi dolosi di auto nel capoluogo jonico e nei centri della provincia. Non solo opera di  piromani o atti intimidatori per contrasti tra persone già note alle forze dell’ordine ma anche vendette per contrasti di natura personale. La scorsa notte anche a Taranto una macchina è stata avvolta dalle fiamme (nella foto dello studio R. Ingenito) in via Pisanelli. L’incendio però è di natura accidentale. Stesse cause di quello scoppiato stamattina a Castellaneta e che ha danneggiato un’altra macchiina.  Nelle settimane scorse un’altra notte di fuoco tra Taranto e Pulsano. Sono stati almeno quattro gli interventi da parte dei vigili del fuoco per domare le fiamme che hanno avvolto altrettante quattro vetture.
Il primo episodio si era registrato intorno alle 22 a Pulsano in viale dell’Unità d’Italia. Il rogo aveva interessato una Ford. Sul posto anche i carabinieri.
Dopo un’ora le fiamme avevano avvolto una Fiat Panda parcheggiata all’interno di un box in via Deledda. In quel caso i vigili del fuoco avevano riscontrato il dolo. Sul posto anche la Polizia.
Nella notte altro incendio ai Tamburi. Erano stati acquisiti i filmati delle videocamere di sorveglianza per far luce sull’accaduto.
Ultimo episodio,sempre a Taranto, in via Minniti, In quel caso, le fiamme erano state generate da un corto circuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche