25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 12:51:42

Cronaca

Per l’Ilva scocca l’ora della verità

A Roma i commissari incontrano il governo: sul tavolo la questione dei soldi per il rilancio dell’azienda. Aumentano i contratti di solidarietà


Si fa sul serio. Perchè la situazione è terribilmente seria. A Palazzo Chigi si parla di Ilva, oggi: mentre si attende la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del piano ambientale dopo il via libera dalla Corte dei Conti, Bondi e Ronchi incontrano il governo. A rappresentare l’esecutivo, nell’ultimo rendez vous, il 29 aprile, furono il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Del Rio, il ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e tecnici del ministero dell’Ambiente.

Nel vertice romano si parla di come e dove trovare quei 4 miliardi di euro necessari per finanziare, nell’arco di 3-5 anni, gli interventi ambientali e quelli tecnologici e per la sicurezza. Nei 30 giorni successivi alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, Bondi deve rendere noto il piano industriale e sciogliere il nodo delle risorse: secondo indiscrezioni 1,8 miliardi dovrebbero riguardare i lavori previsti dall’Autorizzazione integrata ambientale, 1,5 adeguamento degli impianti, innovazione e manutenzione, e 700 milioni interventi per la sicurezza. Il nodo è l’aumento di capitale, da chiedere alla famiglia Riva ‘orfana’ del patriarca Emilio, e con una ‘linea di successione’ incerta, o provare la strada del passaggio di mano, magari ai francesi di AccelorMittal. Due strade strettissime. Bondi – che ha già incontrato le banche – potrebbe chiedere alla magistratura lo sblocco di 1,9 miliardi sequestrati ai Riva per reati non ambientali. Ma qui si aprirebbe una battaglia legale aspra e dell’esito più che incerto. Un ginepraio, insomma. In cui si inserisce la crisi di mercato che sta colpendo lo stabilimento. Si allarga da novemila circa a 10.240 unità la platea dei lavoratori potenzialmente coinvolti nei contratti di solidarietà, mentre si abbassa di 128 unità (da 3.535 a 3.407) il tetto giornaliero raggiungibile dall’azienda.

Sono circa 200, invece, i lavoratori individuati, grazie all’anzianità di servizio, per una possibile ‘mobilità volontaria’, che l’azienda potrebbe favorire con un ‘bonus’ economico in busta paga. Ieri sera i sindacati si sono spaccati, con il sì di Fim e Uilm ed il no di Fiom e Usb. Da venerdì andranno in mobilità i 57 vigilanti, alle dirette dipendenze dell’Ilva, dopo che l’azienda ha avviato la procedura con l’intenzione di affidare il servizio ad una società esterna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche